La storica distilleria De Giorgi diventa patrimonio del Comune

Dopo l'aggiudicazione all'asta fallimentare, la Fondazione Rico Semeraro ha disposto la donazione all'ente comunale. L'immobile, riconosciuto monumento nazionale nel 2005, è una importante testimonianza di archeologia industriale

LECCE - C'è una sola condizione che la Fondazione Rico Semeraro pone al Comune di San Cesario, quella di utilizzare l'immobile ricevuto in donazione solo per finalità sociali e culturali a beneficio della comunità. Così, l'ex distilleria De Giorgi, un pezzo di straordinario fascino dell'archeologia industriale salentina diventerà patrimonio della comunità. Per il momento l'ente presieduto da Giovanni Semeraro è tecnicamente un aggiudicatario provvisorio ma le pratiche di donazione sono state già avviate tanto che il sindaco del centro alle porte di Lecce Antonio Girau, ha voluto pubblicamente ringraziare la fondazione, dichiarandosi emozionato sia come primo cittadino che come cittadino. 

"La clausola che la Fondazione Rico Semeraro ha posto per la cessione del bene - scrive Girau - raccoglie quella che è stata la forte preoccupazione della nostra amministrazione, quella di preservare quell’area da ogni intento speculativo, e si pone in continuità con il vincolo posto dall’amministrazione guidata dal  sindaco Cesare Serra nel 2005. E non soltanto posso assolutamente garantire che la volontà di utilizzare lo stesso per fini esclusivamente culturali e sociali a beneficio dei cittadini di San Cesario sarà pienamente rispettata, ma posso anche comunicare che abbiamo la certezza del finanziamento di un primo progetto, denominato Distillerie D’Arti, al quale potranno poi aggiungersi anche le somme non più necessarie per esercitare la prelazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica scoperta: trovato morto in casa, la moglie era costretta a letto per una malattia

  • Le mani della Scu sul gioco d’azzardo: arresti e sequestro da 7 milioni di euro

  • In moto da cross si scontra su un'auto, un 14enne in codice rosso

  • Auto acquistate con “Spot&Go”, scatta l’inchiesta: s’indaga per truffa

  • Si fingeva chef stellato per molestare universitarie: preso 23enne

  • Vino adulterato: dopo i sigilli in estate, maxi sequestro probatorio

Torna su
LeccePrima è in caricamento