Divampano le fiamme nella pineta: comitato “No Tap” e pompieri al lavoro

Due focolai, in mattinata, nelle campagne di Melendugno. Fortunatamente, diversi alberi sono stati salvati dall’intervento tempestivo

La pineta di San Basilio incenerita dal fuoco

SAN BASILIO (Melendugno) – Un incendio è divampato, in mattinata, nella pineta di San Basilio, nelle vicinanze del cantiere della società Tap. Si tratta di un rogo scoperto intorno alle 9,30  dagli stessi componenti del comitato del presidio “No-Tap”, i quali sono intervenuti per spegnere il rogo assieme al proprietario del terreno, un uomo di Melendugno. Muniti di pale e zappe, infatti, sono riusciti a domare parte dell’incendio.

Il lavoro più grande, poi, è toccato ai vigili del fuoco del comando provinciale, fatti intervenire su richiesta degli stessi componenti del gruppo contrario al gasdotto. Oltre ai pompieri, giunti con quattro mezzi, anche un’altra autobotte dell’Arif, l’Agenzia regionale per le attività irrigue forestali.  Le fiamme, in realtà, sarebbero partite da due distinti focolai, distruggendo un’ampia porzione di suolo. Un elemento che lascia presagire la volontà di qualcuno e non la natura accidentale.

L’attività si è conclusa nel giro di alcune ore, grazie alla collaborazione tra pompieri e cittadini. Mentre il terreno è stato incenerito, diversi alberi sono stati fortunatamente messi in salvo dalle fiamme. Al contrario di quanto accaduto nel primo pomeriggio di ieri, a Santa Cesarea Terme.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Fuoristrada sospetto: nel doppiofondo della barca mezza tonnellata di droga dall’Albania

  • Psicosi da Covid-19: falso allarme, ma treno bloccato in stazione a Lecce

  • Rapina un uomo per una collana, ma a 100 metri ci sono i carabinieri: presa

  • Vende l’auto a una donna, poi pretende altri soldi: militari gli tendono un tranello

  • Dopo il tamponamento continua la marcia verso casa senza una ruota

Torna su
LeccePrima è in caricamento