Donna trovata senza vita nella sua abitazione, eseguito l'esame autoptico

L’esame autoptico eseguito dal medico legale Alberto Tortorella ha confermato la morte per asfissia, compatibile con l’impiccagione

LECCE – Prime parziali conferme, anche se bisognerà attendere l’esito degli esami istologici e lo sviluppo delle indagini, dall’autopsia della 51enne di Castrignano de' Greci trovata senza vita alcuni giorni fa nella sua abitazione. L’esame autoptico eseguito dal medico legale Alberto Tortorella ha confermato la morte per asfissia, compatibile con l’impiccagione. Quella del suicidio rimane dunque la triste e più probabile causa della morte di Valeria. Il magistrato titolare del procedimento ha comunque aperto un fascicolo ipotizzando il reato di istigazione al suicidio a carico di ignoti.

Gli inquirenti vogliono fare luce su alcuni segni sospetti riscontrati dal medico legale al momento dell’ispezione cadaverica, tanto da spingere il pubblico ministero a chiedere l’autopsia. Segni che potrebbero però essere compatibili con i drammatici istanti che hanno preceduto il tragico gesto. Una morte angosciosa che ha colto di sorpresa non solo la famiglia della donna ma un’intera comunità e che al momento resta ancora pieni di misteri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommozzatore in un pozzo: all’interno i resti del piccolo Mauro?

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • Mezzo chilo di droga, pistole e munizioni: in manette zio e nipote

  • La barca s'incaglia, i tre pescatori tornano a riva sfidando il mare gelido

  • Assunzioni in Sanitaservice: pubblicato il bando per 159 posti

  • "Mi sta picchiando". Viene fermato due volte poco prima dell'alba e arrestato

Torna su
LeccePrima è in caricamento