Dopo aver accoltellato la fidanzata per gelosia, torna a casa Vitali: domiciliari

Il 30enne di Morciano era finito in carcere ieri con l’accusa di tentato omicidio. In lacrime, davanti al giudice: “Non volevo ucciderla”

LECCE - Ha lasciato il carcere Giorgio Vitali, il 30enne di Gagliano di Leuca arrestato ieri per il tentato omicidio della ragazza di 26 anni, a Morciano di Leuca. Il giudice Vincenzo Brancato, al termine dell’interrogatorio tenutosi in mattinata, gli ha concesso i domiciliari, accogliendo così la richiesta del difensore, l’avvocato Paolo Pepe, avanzata alla luce di diversi elementi: la confessione, il pentimento, l’assenza del pericolo di fuga e di reiterazione del reato e lo stato di incensuratezza.

Non aveva alcuna intenzione di uccidere la sua donna, ma la gelosia gli avrebbe tolto i lumi della ragione tanto da impugnare un coltello e affondare più volte la sua lama alle spalle dell’amata. Si è difeso così davanti al giudice Vitali, provato dal rimorso, confessando, in lacrime, il terribile gesto così come, dopo qualche resistenza iniziale, aveva fatto con i carabinieri della stazione di Salve e ai colleghi del Norm della compagnia di Tricase.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’episodio risale alla notte di domenica scorsa, a Morciano, in un'abitazione dei famigliari della vittima. Al culmine di una discussione, dovuta alla gelosia, Vitali ha impugnato un coltello da cucina e dopo aver ferito la fidanzata (che fortunatamente non è in pericolo di vita), si è allontanato, contattando poi un’amica di lei che giunta sul posto ha allertato il 118.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una 26enne finisce contro un muretto e muore: secondo dramma in quattro giorni

  • In Puglia 124 nuovi contagiati. Due decessi, uno in provincia di Lecce

  • Medico rientra dal turno e perde il controllo dell’auto: finisce nel canale

  • Nel Salento 54 casi nei due ultimi giorni. Nessuno attribuito capoluogo

  • “Il mostro è arrivato dentro casa”: La Fontanella, sono 31 i contagiati

  • In moto a folle velocità sfugge a tre volanti. “Ero andato a Otranto per un caffè”

Torna su
LeccePrima è in caricamento