"Dopu passu e se no me dai i sordi spiccia fiacca", ai domiciliari 46enne

Ha lasciato il carcere l'uomo arrestato dagli agenti di polizia per avere tentato di estorcere denaro a due commercianti di Miggiano

LECCE – Ha ottenuto gli arresti domiciliari Vincenzo Del Popolo, il 46enne di Miggiano arrestato per tentata estorsione, minaccia aggravata e porto abusivo di coltello. L’uomo, assistito dall’avvocato Tony Indino, è comparso dinanzi al gip Edoardo D’Ambrosio per l’udienza di convalida dell’arresto. Il giudice ha attenuato la misura cautelare nei suoi e confronti e il 46enne ha lasciato il carcere di Borgo San Nicola.

Del Popolo è accusato di aver tentato di estorcere del denaro dal titolare di un bar e il gestore di un chiosco per la vendita di crepes (collegato al bar) nella piazza di Miggiano. Per questo si sarebbe presentato con fare minaccioso dai due, impugnando in un caso un coltello, dicendo: “Dopu passu e se no me dai i sordi spiccia fiacca”. Il titolare dell’attività commerciale ha subito contattato le forze dell’ordine.

A fermarlo e farlo desistere dai suoi propositi criminali, ci hanno pensato gli agenti del commissariato di polizia di Taurisano, accorsi sul posto dopo la segnalazione della sala operativa. Giunti nella piazza del paese, hanno subito trovato e bloccato un 46enne. L’uomo, immediatamente rintracciato dagli agenti, è stato perquisito e trovato in possesso di un coltello della lunghezza di 15 centimetri, che è stato sequestrato. Il 46enne, già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Violento impatto fra due veicoli, ragazza di 19 anni in Rianimazione

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Bimba di 9 anni nel negozio. "Portata in una stanzetta e palpeggiata"

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

  • Operazione "Vele": mafia, droga e spari, oltre 40 davanti al giudice

Torna su
LeccePrima è in caricamento