Dosi di cocaina nascoste nell'auto e dietro un palo, per lui pena lieve

Un anno di reclusione, con pena sospesa, per un 23enne di Taviano che ha patteggiato la condanna chiudendo i conti con la giustizia

LECCE – A tradirlo, in quella calda serata di metà giugno, fu il nervosismo palesato alla vista dei carabinieri di Gallipoli. Un atteggiamento che portò i militari a perquisire l’autovettura su cui viaggiava M.M., un 23enne di Taviano. Nascoste nel poggiatesta del sedile del guidatore, i carabinieri trovarono alcune dosi di cocaina, mentre altre due erano occultate nei bermuda. Fu lo stesso 23enne poi a condurre i carabinieri nei pressi di un palo dell’illuminazione pubblica in una strada della “città bella”, dove erano nascoste altre dosi di cocaina. Complessivamente furono sequestrati 17 grammi di droga.

Il 23enne, assistito dall’avvocato Stefano Stefanelli, ha patteggiato una condanna a un anno di reclusione (più mille e 600 euro di multa), con pena sospesa, per detenzione di sostanza stupefacente. Il pubblico ministero e il gip Edoardo D’Ambrosio hanno ritenuto, come sottolineato dal difensore, la lieve entità e particolare tenuità del fatto. Per il 23enne è venuto meno anche l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Violenta lite in famiglia. Colpisce con un coltello la cognata: arrestato

  • Politica

    Un tuffo nel Piano delle Coste. I balneari segnalano dubbi e criticità al Comune

  • Cronaca

    Automobilista molestata dopo un incidente? Il “soccorritore” chiede di patteggiare

  • Incidenti stradali

    L’urto con un’auto e il centauro cade dalla moto sul litorale: ferito 39enne

I più letti della settimana

  • Finisce con la Porsche nei campi: muore durante il ricovero giovane imprenditore

  • Troppo gravi le ferite, muore in ospedale 25enne ferito in un incidente stradale

  • Sorpassa due auto, poi il frontale con la terza: 30enne in codice rosso

  • Cocaina, materiale esplosivo e arma in cassaforte: arresti e denunce

  • Torna il linguaggio mafioso a Parabita: minacce ai commissari e manifesti funebri al candidato

  • Carne conservata male e lavoratori in nero: maxi multa a un negoziante

Torna su
LeccePrima è in caricamento