Rapine in due banche in pieno giorno: il bottino è da oltre 20mila euro

Caccia ai malviventi che, in mattinata, hanno messo a segno un colpo nella filiale della Popolare di Bari, a Maglie. Poi un secondo episodio alla Credem di Lecce

I carabinieri all'esterno della banca colpita.

LECCE  – Due rapine in banca in pieno giorno: la prima a Maglie, la seconda in città. Il primo episodio ha visto la banda fuggire con un bottino di 15mila euro. È accaduto in mattinata, all’interno della filiale della Popolare di Bari, in via Giuseppe Mazzini. In due, di cui uno armato di taglierino, si sono introdotti nel locale che ospita l’istituto di credito e hanno immobilizzato i clienti presenti.

Sotto la minaccia della lama, hanno costretto i dipendenti a consegnare i contanti. Gli impiegati non hanno opposto resistenza e hanno ceduto una somma in denaro ai malviventi. Si tratta di circa 15mila euro, che saranno quantificati con maggiore precisione in un secondo momento. Arraffato il bottino, sono fuggiti in sella a uno scooter, facendo perdere le proprie tracce. Sul luogo, i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Maglie, guidata dal capitano Giorgio Antonielli.

Il video: i rilievi subito dopo l'accaduto

I militari si sono messi subito sulle tracce dei due, dopo aver anche raccolto le descrizioni fornite dai testimoni. Purtroppo, però, la coppia era travisata e i tratti somatici dei due non si conoscono, anche se hanno tradito un accento del nord della Puglia. Non ancora, quanto meno. Le videocamere di sorveglianza installate all’interno e all’esterno dell’istituto di credito potrebbero però fornire alcuni elementi agli investigatori.

Questi ultimi hanno allestito posti di blocco nella cittadina, in corrispondenza dei principali varchi di ingresso ed uscita. Un altro colpo, ai danni di una farmacia, è stato messo a segno appena 48 ore addietro, questa volta in città, sempre in mattinata. In quell'occasione, però, l'autore è stato subito tratto in arresto grazie alla collaborazione di alcuni dipendenti di un bar vicino.

Appena un paio d'ore, questa volta a Lecce, una seconda rapina è stata perpetrata ai danni di un istituto di credito. Si tratta della Banca Credem di via Marconi, nei pressi del Castello di Carlo V. Il colpo, per un bottino di circa 5mila e 700 euro, è stato messo a segno da due soggetti. Sul posto, gli agenti di polizia della sezione volanti e poco dopo anche i carabinieri.

I malviventi sono stati descritti come individui alti di statura. E avevano i volti coperti con scaldacollo e caschi da motociclista. Subito dopo aver prelevato i soldi, si sono dileguati a bordo di uno scooter. Nessun ferito, ma due dipendenti sono rimasti fortemente turbati per il repentino assalto, messo a segno usano un taglierino per minacciarli. Le indagini sono affidate alla squadra mobile. Saranno visionati i filmati di sorveglianza. Un aspetto, nella vicenda, non sfugge: stessa arma e scooter. E' possibile che ad agire siano stati in entrambi i casi gli stessi soggetti? A Lecce, per la verità, i due avevano un accento locale. Così hanno riferito i testimoni. Ma un accento, si può anche simulare. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento