Errore o avaria? Perito inviato a Gemini per un'ispezione sul velivolo

Il pm ha nominato come consulente il colonnello dell'Aeronautica Alfredo Caruso. Stamattina il controllo con il supporto della scientifica del Nucleo investigativo

UGENTO – Era un velivolo nuovo. Un Freccia uscito dalla Pro.Mecc di Corigliano d’Otranto. Un piccolo gioiello, per gli appassionati di volo, non solo italiani. Apparecchio leggero, realizzato in carbonio e con strumentazione all’avanguardia, si è trasformato però in una trappola mortale per il suo proprietario, l’imprenditore edile Tommaso Arbace di Gagliano del Capo (73 anni) e per l’ospite, Gianluca Causo, di Melissano (42 anni).

C’è stata anche un forte componente di sfortuna, nell'incidente in cui sono incappati. Perché se ieri pomeriggio il Freccia non fosse finito su un muretto a secco, ma in mezzo alle campagne, il velivolo probabilmente ne avrebbe risentito, a livello di danni materiali, ma i due occupanti, forse, si sarebbero salvati.

E’ una delle conclusioni alle quali sono arrivati quasi subito, gli investigatori che si stanno occupando di fare chiarezza seulle cause che hanno condotto al tragico incidente e che oggi sono tornati sul posto per un sopralluogo più approfondito, in appoggio al perito nominato dal pubblico ministero Maria Rosaria Micucci. Si tratta del colonnello in quiescenza dell’Aeronautica militare Alfredo Caruso. Un esperto in materia, che ha già lavorato per l’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo.  

Video | Il sopralluogo del perito con i carabinieri

L’apparecchio, o quel che ne rimane, è dunque rimasto  sul posto, sorvegliato, per tutta la notte. In attesa del sopralluogo di oggi, alla luce del sole. Iniziato a metà mattinata e proseguito fino al primo pomeriggio. Il colonnello Caruso ha dunque raggiunto Gemini, la frazione di Ugento dov’è avvenuto il fatto (nei pressi sorge un noto campo scuola) e ha svolto un’ispezione approfondita, con il supporto della Sezione investigazioni scientifiche del Nucleo investigativo dei carabinieri di Lecce. L’aereo è stato osservato ovunque, sollevato anche per ispezionare la parte sottostante, prima di essere rimosso.

WhatsApp Image 2019-01-28 at 14.15.00-2

L’incidente è avvenuto attorno alle 17 di ieri in via Repubblica, a circa 200 metri dalle ultime abitazioni che compongono il borgo di Gemini. L’urto con il muretto a secco è stato fatale, perché, impattando con la parte davanti, la più pesante del velivolo (vi è collocato il motore), i due malcapitati sono stati letteralmente sbalzati in avanti, al di fuori dell’abitacolo. E sono stati trovati uno accanto all’altro dai soccorritori. Per loro, però, non c’era però più nulla da fare.

Entrambi abilitati al volo, con i comandi posizionati su tutte e due le postazioni, al momento non si ha ancora piena certezza su chi stesse pilotando il velivolo. Sono in corso gli accertamenti, affidati ai carabinieri della stazione di Ugento e della compagnia di Casarano.

Problema tecnico o errore di manovra? . E' uno degli esiti principali ai quali si cercherà di arrivare per definire i contorni della morte dei due uomini, le cui salme si trovano da ieri presso la camera mortuaria dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Ad esempio, se il velivolo in quel momento stesse volando a quota troppo bassa, chi si trovava ai comandi, potrebbe essere incappato nel fatidico stallo in virata. Un problema ben noto a chi pratica l’aviazione.

E' tuttavia ancora molto presto per tirare le somme. Tanto più che questi apparecchi, come già ricordato ieri, non sono dotati di scatola nera. Per cui, le indagini in questi casi si basano molto sull'osservazione dei dettagli, le eventuali testimonianze e le conoscenze tecniche specifiche.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Abbiamo assistito all'ennesima tragedia aerea avvenuta nelle nostre zone. Mi chiedo se si voglia attendere oltre prima di accertare se sia lecito, legittimo, e opportuno che esista una base aerea o campo scuola volo posta a ridosso dei centri abitati di Gemini e Ugento. Difatti poco sappiamo e sapremo se questi velivoli siano certificati,e se le manutenzioni siano state regolarmente effettuate, cosi come non sappiamo e sapremo se esista un ente deputato al controllo/verifica degli stessi sia per quanto riguarda i piani volo sia come certificazione di idoneità periodiche degli apparecchi che dovrebbero sostenere revisioni programmate come i nostri autoveicoli! In ultimo non sappiamo e sapremo niente se le persone che pilotano i velivoli abbiano conseguito le licenze e abilitazioni necessarie e se le stesse siano state convalidate e aggiornate negli anni. Inoltre, mi chiedo chi ci garantisce l'idoneità psico/fisica di chi si mette a pilotare questi velivoli, chi ci garantisce che (con tutto rispetto per queste due persone) dopo un lauto pranzo domenicale, si prenda il volo allegramente. Francamente nessuno può sentirsi al sicuro con simili presupposti e senza risposte ad altrettante domande e soprattutto nessuno dico nessuno vuole rischiare casa e famiglia per il divertimento degli altri!

    • Sono d'accordo solo per l'ultima frase. Per tutto il resto: si è già detto che l'aereo era molto nuovo, che entrambe le persone decedute erano abilitate al volo. Per quanto riguarda l'ente che controlla e sovrintende ai voli e agli aerei, esiste e come! Le basti sapere che anche per i droni ci vogliono dei permessi e chi non li ha o non li richiede, rischia grosso. Per le revisioni poi, vengono effettuate con cura meticolosa e non è che le auto siano tutte più sicure solo perchè vengono poste o possono essere sottoposte a revisione. Quanti automobilisti non lo fanno? Quante automobili circolano senza assicurazione, pur essendo obbligatoria per legge? Stia tranquillo che non ci si improvvisa costruttori di aerei e la ditta costruttrice dell'aereo in questione, prima di giungere a farlo avrà senza ombra di dubbio ottemperato a determinati obblighi. Ogni aereo poi, deve avere un diario di bordo, sul quale va annotata ogni operazione compiuta dall'aereo. Spare sentenze a zero, non serve a nulla.

    • Sottoscrivono. In particolare l'ultima frase.

  • C'è anche da dire che, probabilmente, questi aerei non hanno la scatola nera dalla quale ricavare tutti i dettagli del volo, pertanto si possono fare solo delle ipotesi, suffragate, si spera, da qualche fatto concreto. Comunque, nulla riporterà in vita i due poveri occupanti dell'aereo. Condoglianze ai familiari ed amici di questo assurdo accaduto.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Una 15enne: “Lo zio mi ha molestata per sette anni”. Via all’inchiesta

  • settimana

    Nuova irruzione in banca in pieno giorno: caccia ai rapinatori

  • Attualità

    Si urla al complotto per un photored, ma sulle regole poi ci si autoassolve

  • Cronaca

    Farmaci scaduti al “Vito Fazzi”, convalida del sequestro. Due indagati

I più letti della settimana

  • Paletta, ma non sono agenti: rapinato in strada della sua Bmw

  • Si scaglia contro il rapinatore e lo fa arrestare: da lunedì avrà un contratto nel market

  • Fascette per legargli zampe e collo, un cane chiuso nel sacco e gettato nel canale

  • Impatto devastante all'incrocio di notte: due feriti e auto distrutte

  • Giallo Martucci, rivelazioni delle sorelle. “L’assassino lo abbiamo tra le mani, andate a prenderlo”

  • S'imbatte nella Classe A, riconosce i truffatori e li fa prendere dalla polizia

Torna su
LeccePrima è in caricamento