Evade dai domiciliari per "regolare i conti" con i vicini. In manette un 36enne

Nuovo arresto per Gianluca Polimeno, ai domiciliari per aver perseguitato i vicini. l'uomo ha aggredito i carabinieri intervenuti per fermarlo

LECCE – Ha atteso che i carabinieri lo sottoponessero al consueto controllo, poi è evaso dai domiciliari e si è recato ancora una volta presso l’abitazione di alcuni vicini di casa dei genitori, già destinatari di condotte violente, ingiurie e minacce di morte da parte dell’uomo. Condotte per cui alcuni giorni fa era finito ai domiciliari su disposizione del gip. Protagonista della vicenda Gianluca Polimeno, un 36enne di Cutrofiano.

Vedendolo arrivare i “perseguitati”, con alcuni vicini solidali e allarmati a loro volta, hanno subito chiamato i carabinieri, che sono prontamente intervenuti per immobilizzare Polimeno. Il tutto con estrema difficoltà: alla vista dei militari, infatti, l’ira del 36enne, anziché scemare, è salita alle stelle, e si è scagliato violentemente contro i militari sferrando calci e pugni all’impazzata, poiché colpevoli, a suo dire, di impedirgli di arrivare al contatto con le sue vittime per “mettere le cosa a posto una volta per tutte”. Nella colluttazione ad avere la peggio è stato ilgianluca polimeno arresto cc cutrofiano 21 01 2016-2 luogotenente Paolo Scupola, comandante della stazione di Cutrofiano che, intervenuto assieme a un appuntato, ha subito la sospetta frattura del mignolo della mano sinistra, schiacciata a terra con un calcio dall’indemoniato, mentre tentava di bloccarlo.

Tratto quindi in arresto, dopo le formalità di rito, Polimeno è stato trasferito nelcarcere di Borgo San Nicola, a disposizione dell’autorità giudiziaria, con l’accusa di evasione e resistenza a pubblico ufficiale aggravate.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (12)

  • Il Paese per soli delinquenti. Le persone oneste hanno solo da perdere. Che schifo!

  • Ma cosa gli avranno mai fatto questi vicini? Se sono solo vittime di un delinquente pazzoide non li invidio proprio, dubito che rimarrà in carcere per sempre o comunque tenuto nelle condizioni di non ritornare.

  • Non hanno nemmeno timori delle forze dell'ordine, figuriamoci di un ignaro cittadino che si imbatte in uno di questi signori. È giungla, e non puoi nemmeno azzardarti a tentare di farti giustizia da solo, perchè altrimenti ti schiaffano in carcere, quello vero, e ti ritrovi in un mare di guai.

  • consiglio ai vicini di comprarsi un fucile....magari alla prox non penso tra non molto farei passare la voglia di far west

  • ho una proposta......ai domiciliari a casa del gip

  • Ahahahahahahahah...impensabile no?...eppure qualcuno nei commenti commenti dell'articolo precedente lo aveva supposto.....ed ora...mi raccomando,ai domiciliari ;-)

  • Chissa se anche questa volta lo scienziato del GIP lo rimettera' ai domiciliari. ...

  • Speriamo che la prossima volta ci scappi il morto, così FORSE, dico FORSE, ripeto FORSE, qualche giorno di galera se lo fa...FORSE.

  • Fra pochi giorni sarà nuovamente a casa.... Che schifo!

  • di nuovo ai domiciliari mi raccomando.

  • Adesso sie presa la giusta strada li si può calmare

  • Ma questo e proprio mandrake due giorni e torna a casa

Notizie di oggi

  • Politica

    “Un sindaco da solo non cambia la città. Piazzale Cuneo ce lo insegna”

  • Politica

    “Per me voto disgiunto da tutte le coalizioni”. La scommessa di Adriana

  • Cronaca

    Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Cronaca

    "Chronos", accusati di assenteismo: chiuse le indagini su 17 dipendenti

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Esalta il fisico con gli abiti giusti

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

Torna su
LeccePrima è in caricamento