menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Falso incarico per intrecciare una relazione? Due le assoluzioni

Si è conclusa con un'assoluzione piena, perché il fatto non sussiste, la vicenda giudiziaria che vedeva come protagonisti Michele Zaccaria e Giovanni Rascazzo

LECCE – Si è conclusa con un’assoluzione piena, perché il fatto non sussiste, la vicenda giudiziaria che vedeva come protagonisti Michele Zaccaria, 57enne, responsabile del settore Urbanistica e Lavori pubblici del Comune di Squinzano, e Giovanni Rascazzo, pensionato 75enne con un passato politico nella Democrazia cristiana. I due, originari di San Pietro Vernotico, comune in provincia di Brindisi, erano accusati di tentata concussione e falso. La sentenza è stata emssa dal gup antonia Martalò.

Al centro della vicenda le presunte pressioni su una donna, un architetto della provincia di Brindisi, per intrecciare una relazione, ricevendo in cambio l’attribuzione, da parte del Comune di Squinzano, l’incarico per la riqualificazione e l’arredo urbano del lungomare nord di Casalabate. Un piano che sarebbe svanito per il rifiuto della donna e vista l’inesistenza della determina dirigenziale.

Un’insolita e complessa vicenda in cui, la Procura di Lecce (dell’inchiesta è titolare il sostituto procuratore Paola Guglielmi) aveva chiesto la condanna dei due imputati che avevano scelto il giudizio abbreviato. Il Comune di Squinzano si era costituito dopo essere stato citato come responsabile civile, mentre la presunta vittima si era costituita parte civile con l’avvocato Massimo Zecca.

Zaccaria, secondo l'ipotesi accusatoria avrebbe promesso due incarichi alla professionista brindisina, comunicandole poi via mail “l’avvio del procedimento di revoca in autotutela della determina”, invitandola a rivolgersi direttamente a Rascazzo, che “più volte aveva manifestato anche a terzi la volontà di riprendere la relazione con la donna”, poiché era l’unico a poter risolvere la questione. Accuse che alla luce della sentenza odierna si sono rivelate infondate.

Dalla denuncia presentata dalla donna era nato un altro fascicolo con le ipotesi di reato di stalking e millantato credito nei confronti di Rascazzo, poi assolto con formula piena anche in quel caso, perché il fatto non sussiste.

Potrebbe interessarti

Commenti (1)

  • Da quel che si legge nell'articolo, il titolo dovrebbe essere: falsa relazione per avere un incarico... o no ?!! ;-)

Più letti della settimana

  • Incidenti stradali

    Si scontra con la moto sul furgone, muore sul colpo un 46enne

  • Cronaca

    Traffico di droga fra le province di Brindisi e Lecce, quarantotto indagati

  • Incidenti stradali

    Moto da cross sotto un camion, ragazzo in prognosi riservata

  • Cronaca

    Mezzo chilo di marijuana e cocaina: di nuovo nei guai tre anni dopo

Torna su