Condanna all'ex ministro Fitto, la Procura di Lecce apre un fascicolo d'indagine

Sono partite dal Salento alcune indagini sui giudici del Tribunale di Bari i quali, cinque mesi addietro, condannarono a quattro anni di reclusione il parlamentare del Pdl, per illecito finanziamento, corruzione e abuso d'ufficio. Nelle scorse settimane, il procuratore Motta ha ottenuto l'invio degli atti dal capoluogo pugliese

L'ex ministro Raffaele Fitto (@TM News/Infophoto)

LECCE – Un nuovo fronte giudiziario sembra aprirsi sull’asse Bari-Lecce. Secondo quanto riportato dall’Ansa, infatti, la Procura del capoluogo salentino ha aperto un fascicolo sui giudici del tribunale di Bari che il 13 febbraio scorso hanno condannato a quattro anni di reclusione per corruzione, illecito finanziamento ai partiti e abuso d'ufficio, l'ex ministro agli Affari regionali ed ex governatore della Puglia, Raffaele Fitto, parlamentare del Pdl. Le motivazioni della sentenza che riguarda l’ex ministro saranno depositate a metà agosto.

Nelle scorse settimane il procuratore di Lecce, Cataldo Motta, ha chiesto al presidente del tribunale di Bari, Vito Savino, l’invio degli atti del processo, ottenendo tutto l'incartamento. Dopo la sentenza Fitto attaccò duramente il collegio di magistrati per la celerità con la quale aveva fissato le udienze ed aveva emesso la sentenza di primo grado: “Attendo di sapere dal presidente Forleo – disse – dalla consigliera Goffredo e dal presidente del tribunale Savino perché vengono utilizzi due pesi e due misure in modo così clamoroso”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ci sono dei processi per i quali gli stessi componenti del collegio che mi ha condannato, - aggiunse – hanno fatto valutazioni differenti con tre udienze all'anno, salvo dichiarare la prescrizione di quei procedimenti a differenza del caso mio nel quale ho avuto il privilegio di avere tre udienze a settimana”. Al momento non è chiaro se a dare avvio alle indagini si astato un esposto presentato dai legali del parlamentare salentino. Già in passato, del resto, la magistratura e il Csm si sono occupati dei pubblici ministeri che hanno indagato sull’ex ministro Fitto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Incidente sul lavoro, muore a 35 anni schiacciato da una macchina saldatrice

  • Intervento di riduzione dello stomaco, muore in casa dopo un malore

  • Cinque tamponi positivi al Covid-19, due per residenti in provincia di Lecce

  • Cerca di riparare l’antenna in casa dei suoceri, poi precipita dal tetto: muore un 60enne

  • Tenta rapina nel market, ma il cassiere reagisce. Arrestato dopo la fuga

Torna su
LeccePrima è in caricamento