"Favori & Giustizia", il pm Arnesano chiede la revoca del carcere

E' stata depositata questa mattina l'istanza contro la misura disposta nei riguardi del sostituto procuratore, ritenuto il personaggio chiave dell’inchiesta che ha destabilizzato il tribunale salentino e i vertici dell'Asl

E’ stata depositata questa mattina presso il tribunale del Riesame di Potenza l’istanza di revoca della misura di custodia cautelare in carcere nei riguardi del sostituto procuratore Emilio Arnesano, al centro dell’inchiesta che ha destabilizzato il mondo della giustizia salentina e quello della Asl di Lecce. Nei prossimi giorni, i giudici fisseranno la data dell’udienza per discutere la richiesta di annullamento e, in subordine di attenuazione, della misura, presentata dal pm attraverso l’avvocato difensore Luigi Covella.

Sono gravissime le accuse mosse nei riguardi del magistrato contenute nell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Amerigo Palma ed eseguita lo scorso 6 settembre. Stando alle indagini, condotte dalla Procura di Potenza, Arnesano avrebbe manipolato procedimenti penali in cambio di favori, come l’acquisto a un prezzo più che vantaggioso di uno yacht da usare come “alcova” per i suoi incontri amorosi; la disponibilità sessuale di giovani avvocatesse; battute di caccia e visite mediche.

Di questo sistema avrebbero fatto parte anche pezzi grossi della Asl di Lecce (come Carlo Siciliano, direttore del dipartimento di medicina del lavoro e igiene ambientale, anche lui in carcere, il direttore generale Ottavio Narracci, 59 anni, di Fasano, ai domiciliari, il primario di neurologia Giorgio Trianni, ai domiciliari, e il primario di ortopedia Giuseppe Rollo, ai domiciliari) e alcuni avvocati, come Benedetta Martina, ai domiciliari con l’accusa di aver avuto rapporti sessuali con il magistrato per avere “sostegno” in due procedimenti penali che riguardavano suoi clienti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (15)

  • Oh Signore! Comunque L'unica cosa che puoi fare per salvarti nell'immediato è cambiare gli avvocati che ti sei scelto, cosi come stai messo ti condannano sicuro...ma chi te li ha suggeriti? con i soldi che ti sei messo da parte prenditi almeno dei legali buoni :) Buona Fortuna!

  • sentenza esemplare per dare un segnale forte e riesame di tutti i processi fatti da questo 

  • Buttate la chiave

  • PRESCRIZIONI, ne abbiamo viste tante clamorose e sorprendenti, sarà così anche al Tribunale di Potenza? Certo che tra esami e riesami, tra cambio di avvocati, ascolto dei testimoni, Giudici che vengono trasferiti, altri che vanno in pensione, udienze che si rinviano di sei mesi o di un anno, ecc. ecc. è facile per un avvocato trovare escamotage che portano poi alla prescrizione. Speriamo che il Ministro Buonafede riesca a limitare la prescrizione solo sino al primo giudizio.

    • In tutti i casi che ha citato lei, la prescrizione viene sospesa e dunque quel periodo di tempo, ai fini appunto della prescrizione, è come se non ci fosse. Magari scriva commenti per parlare dell'ultima partita del Lecce o su come si fanno le pittule, ma lasci stare cose che non conosce e che non ha mai studiato.

    • Lei è privo dei fondamenti giuridici. Inutile controbatterle nel merito perché non comprenderebbe. Saluti

      • Lei non legge i giornali e non segue bene tutto ciò che accade nei Tribunali italiani. Non sono un esperto giuridico come Lei, ma ho compreso benissimo che in Italia se hai tanti soldi da spendere con gli avvocati e qualche "Santo in Paradiso", la PRESCRIZIONE puoi ottenerla facilmente. Le "storielle " di questi giorni e altri fatti simili accaduti di recente, lo dimostrano ampiamente. Ricambio i saluti.

      • Meno male che non tutti sono saccenti come lei...

  • Stiamo parlando di procedimenti penali e non civili, e soprattutto stiamo parlando di appoggi nei confronti di "pezzi grossi della ASL": come mai tutto questo mi sembra un déjà-vu? Adesso sono proprio curiosa di vedere, nell'ordine, a) i tempi che impiegheranno per fissare l'udienza; b) la decisione che prenderanno. Come mai sono quasi certa che il tutto avverrà nel breve volgere di qualche giorno con un epilogo già scontato? Mentre ci sono persone per le quali vengono buttate le chiavi in attesa di qualcosa che non arriva mai! Ma adesso comprendo anche il perché tardino ad arrivare queste fissazioni d'udienza per i c.d. "Nessuno": tutto il tempo che impiegano 'sti poveracci tra una scopatina ed uno yacht da rodare ... ma dove lo trovano il tempo!!!

  • questi signori dovrebbero essere indifendibili....

  • Una sola cosa chiedo da cittadino italiano: che non vada tutto in PRESCRIZIONE. Come è già successo moltissime volte quando si tratta di personaggi eccellenti , colletti bianchi e bianchissimi, da andreotti sino a leccesi poco raccomandabili, ma ancora, con la loro FACCIA TOSTA, ancora in mostra, come in un film dell'orrore! Che siano PROCESSATI! La giustizia deciderà se assolverli o condannarli! Chiedo troppo? Con le tasse pago anche il "servizio Giustizia" e PRETENDO che sia esercitato! Sono un illuso?

  • Neanche al grande fratello ci sono tanti intrallazzi, tanto mo sappiamo tutti come andrà a finire, ma abbiamo avuto la conferma ancora una volta che siamo nelle mani di gente squallida e senza alcun principio sano

  • Questo è il vero fango, questa è gente che dovrebbe stare in galera e buttare la chiave. Posso capire una persona ignorante oppure per bisogno in quanto povera, ma questa e gente che ha studiato, gente culturalmente preparata quindi sa quello che sta facendo, ma questa gente forse si sente immune da ogni intemperia e sono sicuri di loro, quindi hanno bisogno di una dura condanna in modo che altri come loro prima di delinquere ci pensano due volte.

    • Vedremo se ci sarà una condanna, un'assoluzione o una PRESCRIZIONE. Certo che avvocati ed esperti giuridici, come Leo e Fanfulla, sapranno benissimo come difendere l'indifendibile. Con estremo danno e con tanti schiaffi in faccia per tutti gli altri cittadini onesti.

  • Nascondete I la faccia!

Notizie di oggi

  • settimana

    L’autopsia sulla giovane mamma: fatale una rara forma di embolia

  • Cronaca

    Morte sospetta di un detenuto salentino in Calabria: parte l’inchiesta. Due indagati

  • settimana

    A Lecce il numero uno della Tutela ambiente: riflettori su smaltimento dei pannelli e infiltrazioni mafiose

  • Cronaca

    Morte di Ivan Ciullo, nuova svolta. La procura riapre il caso per la terza volta

I più letti della settimana

  • Muore dopo aver messo al mondo il bimbo, aperta inchiesta per omicidio colposo

  • Li fanno accostare per un controllo e spuntano oltre 2 chili di marijuana

  • L’autopsia sulla giovane mamma: fatale una rara forma di embolia

  • Ricerche lampo dopo la rapina nel discount: presi durante l’inseguimento

  • Trenta bombe a mano sulla spiaggia: scoperta casuale dopo la mareggiata

  • Strada 275, colpo di sonno e finisce contro un furgone: in tre in ospedale

Torna su
LeccePrima è in caricamento