Sulla motoape attrezzatura rubata da depositi agricoli. Spunta anche una bomba carta

Due individui fermati, poco dopo la mezzanotte, tra Melendugno e Vernole. Sul mezzo, oltre alla refurtiva, un piccolo ordigno

La motoape trovata nella notte

MELENDUGNO – Fermati, di notte, con la refurtiva su una motoape e persino una bomba carta. Poco dopo la mezzanotte, due individui sono stati identificati e consegnati ai carabinieri dalle guardie giurate dell’istituto “AlmaRoma”. La coppia, che percorreva la vecchia strada in direzione di Carpignano Salentino, viaggiava verso il centro abitato di Vernole, nel territorio di Melendugno. Si tratta di un 59enne di Melendugno e di un 47enne di Surbo.

Insospettiti per il carico sul mezzo, i due vigilanti li hanno seguiti, dopo aver anche allertato i militari del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia leccese. La merce depositata sul piccolo veicolo era infatti stata rubata da uno dei numerosi depositi agricoli della zona. IMG-20170701-WA0006-2Sia il conducente, che il passeggero, sono risultati noti alle forze dell’ordine per episodi specifici. Ma non è tutto.

Oltre alla refurtiva, infatti, gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto un ordigno di fabbricazione artigianale, di piccole proporzioni, posto immediatamente sotto sequestro assieme ad altri petardi. I due sono stati accompagnati in caserma per le formalità di rito. Al termine di alcuni accertamenti, i due sono stati denunciati in stato di libertà con l'accusa di ricettazione e possesso di materiale esplodente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Droga ed estorsioni, maxi operazione della polizia: 72 ordinanze

  • Agguato in autostrada ai tifosi del Lecce: un mezzo dato alle fiamme

  • Riti di affiliazione mafiosa e mire del clan su concerti e bische. "La Scu è ancora viva"

  • Psicosi da Covid-19: falso allarme, ma treno bloccato in stazione a Lecce

  • Malore alla guida, schianto sullo spartitraffico: 25enne in codice rosso

  • Due sinistri di ritorno dal mare: un uomo deceduto, l’altro gravemente ferito

Torna su
LeccePrima è in caricamento