Feto morto nascosto nel giardino, ragazza ascoltata dai carabinieri

I militari di Galatina hanno sentito su delega una 22enne moldava accusata d'infanticidio e occultamento di cadavere. I fatti si sono verificati in Calabria, a Cirò Marina. La scoperta, il 26 marzo

GALATINA – E’ stata ascoltata due giorni addietro, giovedì scorso, la 22enne di origine moldava, attualmente domiciliata nella zona di Galatina, indagata per una triste vicenda: dopo aver partorito, ha nascosto il feto in un giardino dell’abitazione di un’anziana donna presso la quale aveva lavorato in passato, a Cirò Marina, in provincia di Crotone, in qualità di badante.

Nel frattempo trasferitasi nel Salento, il corpicino, in avanzato stato di decomposizione, è stato poi ritrovato il 26 marzo scorso da una nuova badante della donna, in maniera del tutto casuale, durante alcuni lavori, come riportano diverse testate calabresi.

I sospetti dei carabinieri della stazione di Cirò Marina, intervenuti per un sopralluogo, si sono addensati in poche ore su quella ragazza moldava, tanto che in breve è stata individuata. La Procura di Crotone ha poi delegato il compito ai militari della stazione galatinese, dipendenti dalla compagnia di Gallipoli, di ascoltare la ragazza, che nel frattempo è stata iscritta nel registro degli indagati con le ipotesi di reato di infanticidio e occultamento di cadavere.

Ai carabinieri, la giovane ha spiegato di essere rimasta incinta mentre si trovava in Moldavia, di aver partorito in casa dell’anziana senza alcun aiuto. Il feto, a suo dire, sarebbe già stato dato alla luce privo di vita. E dopo, forse per paura e non sapendo come comportarsi, la decisione di dargli quella sepoltura segreta, senza che nessuno sapesse nulla. Per molti mesi nessuno ha mai sospettato di nulla, fino a ritrovamento. Il seppellimento, infatti, sarebbe avvenuto nel periodo del Natale scorso.

Ieri, intanto, il medico legale Massimiliano Rizzo, ha svolto l’autopsia. E, a quanto pare, sempre secondo quanto riportano testate calabresi, dall'esame sarebbero emersi elementi che rendono un fondo di verità al racconto della donna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Fuoristrada sospetto: nel doppiofondo della barca mezza tonnellata di droga dall’Albania

  • Rapina un uomo per una collana, ma a 100 metri ci sono i carabinieri: presa

  • Vende l’auto a una donna, poi pretende altri soldi: militari gli tendono un tranello

  • Dopo il tamponamento continua la marcia verso casa senza una ruota

  • Salvini fa il pienone a Squinzano, ma si palesa una larga diffidenza verso Fitto

Torna su
LeccePrima è in caricamento