Feto morto nascosto nell'armadio, l'accusa chiede due condanne

La Procura ha chiesto 15 anni per la sorella e il cognato della giovane madre di Squinzano, accusati di infanticidio e occultamento di cadavere

LECCE – La pubblica accusa ha chiesto una condanna a 15 anni per la sorella e il cognata della ragazza di Squinzano, oggi 18enne, accusata di aver nascosto nell’armadio di casa il feto che aveva partorito già morto. I due, rispettivamente di 27 e 46 anni, sono accusati di infanticidio e occultamento di cadavere in concorso la ragazza, minorenne all’epoca dei fatti. La sua vicenda giudiziaria si è conclusa con 14 mesi di messa alla prova.

Era il 9 febbraio del 2017 quando la giovane, con un’emorragia in corso, fu costretta a recarsi in ospedale. Al “San Giuseppe di Copertino” i medici capirono subito che era reduce da un parto. Informati i carabinieri della stazione di Squinzano, nell’abitazione che condivideva con sorella e cognato, fu trovato il feto. Era stato chiuso in una busta di plastica e nascosto in un armadio.

L’inchiesta ha riguardato la 17enne e la sorella di 27 anni e il compagno di quest’ultima, 46enne, con cui viveva. Secondo quanto emerso dopo l’autopsia, il neonato sarebbe venuto al mondo già privo di vita, poiché soffocato dal cordone ombelicale, di lunghezza anomala. Il capo d’imputazione è rimasto l’infanticidio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento