Feto morto nascosto nell'armadio, l'accusa chiede due condanne

La Procura ha chiesto 15 anni per la sorella e il cognato della giovane madre di Squinzano, accusati di infanticidio e occultamento di cadavere

LECCE – La pubblica accusa ha chiesto una condanna a 15 anni per la sorella e il cognata della ragazza di Squinzano, oggi 18enne, accusata di aver nascosto nell’armadio di casa il feto che aveva partorito già morto. I due, rispettivamente di 27 e 46 anni, sono accusati di infanticidio e occultamento di cadavere in concorso la ragazza, minorenne all’epoca dei fatti. La sua vicenda giudiziaria si è conclusa con 14 mesi di messa alla prova.

Era il 9 febbraio del 2017 quando la giovane, con un’emorragia in corso, fu costretta a recarsi in ospedale. Al “San Giuseppe di Copertino” i medici capirono subito che era reduce da un parto. Informati i carabinieri della stazione di Squinzano, nell’abitazione che condivideva con sorella e cognato, fu trovato il feto. Era stato chiuso in una busta di plastica e nascosto in un armadio.

L’inchiesta ha riguardato la 17enne e la sorella di 27 anni e il compagno di quest’ultima, 46enne, con cui viveva. Secondo quanto emerso dopo l’autopsia, il neonato sarebbe venuto al mondo già privo di vita, poiché soffocato dal cordone ombelicale, di lunghezza anomala. Il capo d’imputazione è rimasto l’infanticidio.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • stiamo diventando di una cattiveria sovrumana. ma come si fa a compiere gesti cosi atroci?

  • Anche se priva di vita, chiudere in una busta di plastica "una vita" è abominevole, sperando che la richiesta di condanna della Procura venga accolta senza alcun sconto di pena.

Notizie di oggi

  • Attualità

    Alla partenza del primo Frecciarossa per Torino anche giovani aspiranti macchinisti

  • Incidenti stradali

    Scontro fra auto e moto sulla strada per il mare, centauro in ospedale

  • Cronaca

    Due proiettili in busta "recapitati" in giardino a un militare in congedo

  • Cronaca

    Rubano l'auto di una donna e la bruciano a pochi chilometri di distanza

I più letti della settimana

  • Sesso e regali per favori e processi: in arresto un pm, dirigenti sanitari e avvocata

  • Travolto da un’autovettura, un 62enne perde la vita davanti alla moglie

  • Ore di apprensione a Casarano: rintracciato di notte 22enne scomparso nel nulla

  • Bancarotta fraudolenta aggravata: quattro imprenditori in arresto

  • Inchiesta sesso&giustizia, Altavilla: “Triste pagina, ma indagine non è condanna”

  • "Mio padre brucia lo stipendio". Entra nel bar e sfascia le slot con una mazza

Torna su
LeccePrima è in caricamento