Maschere, armi e auto a nolo: inseguiti e bloccati dopo la rapina

Gli arresti in provincia di Piacenza. Uno dei malviventi è un 40enne di Seclì, l'altro è un palermitano. Forse autori di colpi seriali. A bloccarli, i carabinieri di Fiorenzuola

Foto per concessione de Il Piacenza.

PIACENZA – Carnevale si avvicina e loro si erano già dotati di maschere. Non per sfilare, ma per mettere a segno rapine. Eros Zizzari, un 40enne di Seclì, ed Emanuele Viavattene, un 31enne di Carini, in provincia di Palermo, entrambi trasferitisi al nord da qualche tempo, sono stati arrestati dai carabinieri del Nucleo radiomobile di Fiorenzuola d’Arda, in provincia di Piacenza. Dopo un assalto a un supermercato, infatti, è scattato un rastrellamento del territorio e quando l’auto sospetta è stata intercettata, n’è nato un inseguimento a forte velocità, terminato con il tallonamento e il fermo dei due.

La rapina è avvenuta nel tardo pomeriggio di ieri, intorno alle 18,30, ai danni del supermercato IN’S di Pontenure, un’altra località del Piacentino. Armati di pistola, i malviventi hanno intimidito la cassiera, riuscendo così a fasi consegnare il denaro (mille e 300 euro), per poi subito fuggire. In particolare, nel market è entrato uno dei due rapinatori, mentre l'altro l'ha atteso all'esterno con l'auto a motore acceso. 

L’aspetto singolare, è che i rapinatori aveva noleggiato l’auto usata per mettere a segno il colpo, un’Alfa Giulietta, avendo premura di sostituire le targhe e di cambiarsi anche d’abito, dopo la rapina. Tutto, ovviamente, nel tentativo di riuscire a svignarsela senza dare nell’occhio.

Rapinatori arrestati a Fiorenzuola ©IlPiacenza (2)-2-2Il trucco delle targhe, però, è valso a nulla, giacché il personale del supermercato è stato lesto a leggere i numeri e fornirli al 112 e i militari ancor più lesti a rintracciarli, prima che rimettessero le targhe originali. Tutto frutto di un piano antirapina messo in piedi sul momento lungo le principali strade della zona, la Valdarda, che ha visto coinvolti anche gli agenti dell’Unione Valnure per gli accertamenti sull’auto in fuga. La Giuletta, alla fine, è stata intercettata in località Felina di Fiorenzuola e bloccata all’altezza di un altro comune, Alseno.

Fatti uscire i due dall’auto, nel vano portaoggetti i carabinieri hanno trovato per prima cosa una maschera di Carnevale, quella usata dal malvivente che ha fatto irruzione nel supermercato, poi il denaro e due armi: una pistola finta, in sostanza un giocattolo senza tappo rosso, e l’altra vera, una calibro 7,66. Probabilmente, arrivata dall’Europa dell’Est.

(Video: a tutta velocità, ecco come sono stati fermati)

Eros Zizzari-2I carabinieri sospettano che il salentino e il palermitano siano autori di altre rapine nella zona. Troppo disinvolti nel modo d’agire e con una tecnica che sembrerebbe già collaudata. I due risiedono nella zona di Lodi e, probabilmente, usavano spostarsi nelle province vicine per gli assalti, in modo da non essere riconosciuti.

Emanuele Viavattene-2I militari hanno anche eseguito perquisizioni nelle rispettive abitazioni, trovando altro denaro, forse riconducibile a varie rapine. Ovviamente, si tratta di un’ipotesi investigativa ancora da verificare, nel dettaglio. “Rendiamo merito a degli uomini eccezionali che con il loro impegno garantiscono una pronta risposta al cittadino”, ha commentato il maggiore Emanuele Leuzzi, parlando dei carabinieri da lui comandati.

Il 40enne di Seclì e il 31enne di Carini, entrambi già noti alle forze dell’ordine, sono stati confinati nel carcere di Novate. Rispondono di rapina aggravata, detenzione e porto abusivo di armi, ricettazione. Una curiosità: il maggiore Leuzzi, proprio come uno dei rapinatori, è salentino a sua volta. Di Sternatia, per la precisione. Il destino li ha fatti incrociare nel Nord Italia, ma su fronti opposti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Sferra coltellata all'addome del barista: operato all'intestino, arrestato 47enne

  • Breve temporale, ma il fulmine si abbatte sulla casa: impianto elettrico fuori uso

  • Eroina, cocaina e marijuana: tre arresti, segnalati i due acquirenti

  • Quell'auto sospetta agganciata più volte. Ed è una sfida ad alta velocità

  • Salento in lutto per la perdita di Luigi Russo, protagonista di lotte per ambiente e diritti

Torna su
LeccePrima è in caricamento