Folle notte: in cerca del suo "avversario" aggredisce tutta la famiglia

Arrestato a Galatina un 24enne. Prima ha pestato il fratello in un bar, poi i genitori dentro casa. E' convinto che sia stata insidiata la sua compagna

GALATINA – Cercava un giovane. Doveva fargliela pagare a tutti i costi. E ha pensato bene, con un complice al momento non identificato, di evadere dai domiciliari e pestare in una sola prima il fratello e poi i suoi genitori. Presentandosi in questo secondo caso persino con una mazza da baseball. Tutto, pur di farsi dire dove fosse quel ragazzo che, stando a una sua convinzione, avrebbe insidiato la propria compagna.

Alessio Viti, 24enne di Galatina, è un volto più che noto alle cronache. Con un complice, nella primavera del 2017, è stato accusato di aver messo a segno una serie di rapine ai danni di attività commerciali nelle zone del Galatinese e del Magliese. Erano diventati un vero incubo, dietro ai quali si erano messi polizia e carabinieri. Fino ad arrestarli.

Ora, però Viti ha avuto nuovamente a che fare con il commissariato galatinese, e questa volta per lesioni aggravate e minacce (oltre che per evasione). Insomma, non ha ancora smesso di essere un incubo per la comunità. Tutto, in questo caso, pur di vendicarsi di un presunto torto. Solo che a prenderle non è stato il vero obiettivo, ma i suoi parenti più stretti. Una ritorsione, un tentativo d’intimidirli per farsi indicare dove stanarlo.

Dopo mezzanotte

La notte folle s’è consumata il 28 febbraio. La prima aggressione, in un bar aperto fino a tardi. Viti si è presentato con un altro soggetto – al momento non riconosciuto, forse non galatinese – e ha pestato un giovane. Voleva sapere dove fosse suo fratello. Sono partite da lì le prime richieste d’intervento alla polizia. Una volante è sopraggiunta, ma ormai i due si erano volatilizzati. Come unica indicazione raccolta, l’arrivo e la fuga a bordo di una Mini Cooper nera.

Mentre i poliziotti erano ancora sul posto, il primo colpo di scena. E’ arrivata la segnalazione di una seconda aggressione. A chiamare, questa volta, una donna, la quale riferiva che due soggetti erano entrati in casa, uno di loro armato di mazza da baseball, e avevano iniziato a pestare lei e il marito. Gli agenti sono così ripartiti per recarsi sul secondo intervento, ma ecco il secondo colpo di scena: hanno incrociato proprio la Mini Cooper.

Viti Alessio-2-2-2Hanno rilevato la targa e hanno anche visto chiaramente Viti, loro vecchia conoscenza, al volante. Hanno tentato di fermarla, ma per tutta risposta ha ingranato la prima ed è ripartito a razzo. N’è scaturito un pericoloso inseguimento, che è durato a lungo. Alla fine, gli occupanti della Mini sono riusciti a sfuggire, ma ormai gli agenti sapevano chi cercare. Sono così andati una prima volta nella frazione di Noha, dove Viti risiede. Ma non c’era.

Ritrovato a Noha

A quel punto, sono tornati indietro, per recarsi in casa della coppia aggredita, nel frattempo soccorsa dal 118, per poi ritornare nuovamente, più tardi, a Noha. Avevano ormai un quadro più chiaro di tutta la situazione. E qui, alle 2,30 di notte, hanno visto l’auto da ricercare. Era ferma, con il motore ancora caldo. Il 24enne era appena rincasato. 

Schiaccianti gli elementi a carico di Viti. Riconosciuto e indicato quale autore certo dell’aggressione, alla fine egli stesso ha ammesso anche di aver sottratto la mazza da baseball al giovane vittima della prima aggressione. Viti, peraltro, aveva ancora le mani ferite e sporche di sangue. E sangue era presente pure su una tuta da ginnastica di marca “Narcos”.

Il 24enne, alla fine, ha ritenuto pure di consegnare agli agenti il bastone, spavaldamente chiedendo di restituirlo al proprietario con un beffardo messaggio: lui sa usare le mani e non ha bisogno di altro. A ulteriore dimostrazione di quale carattere bellicoso lo accompagni. D’intesa con il pubblico ministero di turno, è stato arrestato e condotto nella casa circondariale di Lecce.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (17)

  • tuta da ginnastica marca "Narcos"..... ottima scelta visto chi la indossava. .

  • Arroganza e violenza derivante dalla certa impunità e dall'assenza di una qualsiasi forma di punizione, sì, punizione e non recupero. Messo a scavare diciotto ore al giorno con pala e piccone per una decina d'anni, scontata la pena di dedicherà all'allevamento di canarini. Si parla di volto ben noto alle forze dell'ordine quindi con qualche chilo di precedenti penali eppure i magistrati si ostinano a dargli i domiciliari nonostante ciò, a mio sapere, possa avvenire una sola volta. Che pensino ad emettere sentenze giuste e non creative come tante volte accade e a non occuparsi di politica.

  • Ignoranza e vagabondaggio! Altro che galera o domiciliari...fatelo lavorare a zappare la terra dalla mattina al tramonto e vedrete che alle 8 di sera è gia bello e steso!!! Persona inutile e vigliacca.

  • ma possibile che esistano persone come questo ancora libere?

  • Vede troppi film e vive emulando attori di fiction. Poveraccio....davvero poveraccio! Dopo qualche anno di sana galera andrebbe necessariamente rinchiuso in qualche comunità di recupero, perché questo è il classico soggetto pericoloso per la pubblica incolumità. Fanno quattro rapinette da tossici e si credono si padroni del mondo indossando una felpa con su scritto "Narcos"!!! Vai a zappare la terra onestamente figlio mio, oppure levati da questo mondo che non ti appartiene e non sei necessario.

    • Hai detto precisamente la verità!! Ma non mi capacito come facesse andare in giro! Ai Carabinieri e alla Polizia non sfugge nulla e allora come mai se ne andava in giro?

  • Ma ora che starà in galera penserà ai possibili concorrenti che potranno essere? Ma roba da matti...

  • Buon sangue non mente!

  • Ke UOMO...di M...A...bravo sei forte...

  • in galera sicuramente si schiarira un po' le idee e imparerà un pochino di educazione a sufficienza per fargli abbassare le alette

  • Il giustiziere.

  • Io farei i complimenti alla avvocato che lo ha difeso che ha permesso a sto soggetto di circolare libero ancora e poi a chi ha inventato gli arresti domiciliari ....che costringono i carabinieri a spendere il loro tempo a controllare che sta gentaglia sia a casa.fateli scontare la pena che gli spetta rinchiusi...e se nn bastano le galere aprirebbe altre.....

  • vergognoso.. io ai giudici che rilasciano tutti questi individui, farei firmare un assunzione di responsabilità... se il loro pupillo evade dai domiciliari o compie altri reati, scatta la sospensione dello stipendio e del lavoro.....

    • Mi sa che se così fosse... a quest'ora ci sarebbero pochi giudici in tribunale!

  • Pestare la madre il padre e il fratello del bersaglio..... Che gran uomo !!! Feccia umana !!! La gente vera non si sporca le mani con certi come a lui che se la prende con le persone deboli! Ma poi mi spiegate come mai questo va a passeggio essendo ristretto ai domiciliari??!! Trattamento di favore di buona condotta??

  • ahahahah ma che per davvero? E' una notizia vera? Mah!

  • grazie alla magistratura queste cose accadono ancora ... fa rapine in giro e sta ai domiciliari ...invece di pensare a salvini e alla politica pensate a lavorare bene che noi italiani vi paghiamo profumatamente ...

Notizie di oggi

  • Nardò

    Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

  • Attualità

    Parla il giovane autore del “controselfie” con Salvini: “Spero in un effetto virale”

  • Politica

    Vita nuova per i pendolari salentini: in arrivo i treni moderni e veloci di Fse

  • Attualità

    Classifica dei Comuni virtuosi ed efficienti: Lecce ancora in zona retrocessione

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Esalta il fisico con gli abiti giusti

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • In tre lo accerchiano sotto casa, commerciante pestato e rapinato

Torna su
LeccePrima è in caricamento