Fra gli ulivi pneumatici, batterie e traversine: non smaltiva da decenni

I carabinieri del Noe hanno sequestrato un'area di 15mila metri quadrati nelle campagne intorno a Caprarica di Lecce. Segnalato alla Procura il legale rappresentate di una società che opera nella commercializzazione di prodotti per l'edilizia

CAPRARICA DI LECCE – Copertoni usati e traversine ferroviarie dismesse nel bel mezzo della dolce campagna salentina. Questo e molto altro ancora, in mezzo a una cornice composta di muretti a secco e distese di alberi di ulivo. L’area, di ben 15mila metri quadrati, è stata sottoposta a sequestro operativo d’urgenza dai carabinieri del Noe nei dintorni di Caprarica di Lecce, dove si trova la sede operativa di una società che opera nella commercializzazione di prodotti per l’edilizia.

La scoperta è avvenuta nel corso di un controllo del territorio. I militari hanno contestato al legale rappresentante, segnalato alla Procura del capoluogo, la gestione non autorizzata di rifiuti speciali. Alcuni di questi, sono anche classificati come pericolosi perché potenzialmente in grado d’infiltrarsi nella falda.

Durante il sopralluogo, i carabinieri specializzati in reati ambientali, hanno annotato sui loro taccuini una notevole e variegata di scarti. C’erano traversine ferroviarie fuori uso, pezzi di ferro arrugginiti e parti in legno, macchinari per l’edilizia in disuso, imballaggi in metallo.

E ancora, scarti in plastica e pannelli di polistirolo, fusti di metallo contenenti ancora residui oleosi, filtri olio e aria di automezzi, muletti e motrici di autocarri, pneumatici fuori uso, guaine bituminose, batterie al piombo esauste, pannelli coibentanti, lastre di vetro e inerti da demolizioni edili. Un mezzo disastro ambientale dovuto a un mancato smaltimento che, secondo i militari, potrebbe essere decennale, vista anche la vetustà di molti scarti rinvenuti. Una collezione di rifiuti forse non da Guinness dei primati, ma comunque di forte impatto.   

Gli uomini diretti dal maggiore Nicola Candido hanno subito informato del sequestro, oltre l’autorità giudiziaria, anche quella amministrativa. E ora si attende la necessaria bonifica. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (9)

  • Scherzi a parte, ieri sera ho visto una meravigliosa puntata di Ulisse, condotta dal bravissimo Alberto Angela. Primadonna il Salento e sono rimasto affascinato dalla nostra meravigliosa terra, mostrata nel suo abito migliore. Pertanto mi viene tanta rabbia quando si vedono dei nostri conterranei incivili e barbari che la insozzano e la deturpano.

  • La vocazione turistica del territorio che verrebbe irrimediabilmente profanata da un tubo interrato......

  • Che sia un tentativo casereccio di curare la batteriosi?

  • E poi ci lamentiamo se arriva la Xylella!

  • che SCEMPIO adesso multe salate per tutti altrimenti non impareranno MAI...!

  • Bisogna cambiare la Legge, occorrono delle pene detentive per chi inquina e di fatto causa dei tumori tra la Popolazione

  • Però poi raccogliamo le firme per il Frecciarossa, mentre devastiamo il territorio. Purtroppo è una questione di cultura e di mentalità, a partire dalla pessima abitudine di buttare le cose fuori dal finestrino dell'auto, tanto chi se ne fotte. Ora arriveranno e arriveremo più in fretta nel Salento per vedere questi scempi, siamo tutti felici perché non siamo inferiori a Bari: evviva il provincialismo, abbasso il territorio!

    • Sono d'accordo, siamo circondati da gente che vive nel nostro territorio ma non lo rispetta perché non se ne frega nulla. Molti salentini sono abituati ormai a gettare piccoli rifiuti dal finestrino mentre guidano l'auto oppure grossi rifiuti nelle campagne come frigoriferi, mobili, pneumatici ecc..purtroppo la mentalità è questa, assenza totale di cultura e menefreghismo, praticamente una massa di ignoranti che bisognerebbe rieducare.

    • Però poi raccogliamo le firme per il Frecciarossa, mentre devastiamo il territorio. Purtroppo è una questione di cultura e di mentalità, a partire dalla pessima abitudine di buttare le cose fuori dal finestrino dell'auto, tanto chi se ne fotte. Ora arriveranno e arriveremo più in fretta nel Salento per vedere questi scempi, siamo tutti felici perché non siamo inferiori a Bari: evviva il provincialismo, abbasso il territorio!

      Quoto in pieno caro amico. Il costume di moltissime persone è veramente da sedia elettrica. Non riesco a farmene una ragione, per quale motivo esista un menefreghismo così dilagante!!!!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Erette barricate sulle strade che portano al cantiere Tap. Lavori fermi

  • Cronaca

    Dalla Chiesa agli studenti, il movimento trasversale attorno al caso del gasdotto

  • Cronaca

    Un urto micidiale: barca a vela entra in porto e dopo cola a picco

  • Cronaca

    In banca senza armi, rapinatori fuggono con 8mila euro

I più letti della settimana

  • Ingoia un boccone di carne e rimane soffocato, tragica morte per un 58enne

  • Conto del nonno prosciugato, nuovo arresto per direttore e cliente

  • Nel furgone coltelli e maschere antigas, bloccato leccese a Roma

  • Strani rumori dalla pasticceria, passante avverte i poliziotti: arrestato ladro

  • Padre non dà le chiavi dell'auto, figlio in preda all'ira lo prende a pugni in faccia

  • Agguati: dalle armi sequestrate a breve una svolta nelle indagini

Torna su
LeccePrima è in caricamento