Fucile a canne mozze trovato in un bosco

L'arma, con matricola abrasa, provvista di cartucce era avvolta in un sacchetto: è stata rinvenuta da un addetto alle pulizie in contrada "Sepe", a Corsano. Forse usata in qualche raid criminale

Un fucile a canne mozze, calibro 12, matricola abrasa e provvisto di alcune cartucce. Un gingillo di una certa potenza di fuoco, avvolto in un sacchetto di plastica, abbandonato in un boschetto di contrada "Sepe", nelle vicinanze di Corsano. Il fucile è stato rinvenuto accidentalmente da parte di un addetto alle pulizie che operava nel corso della mattinata. Di solito, di oggetti simili non se ne vedono in giro con facilità. E' così partita la chiamata al 112. Sul posto sono giunti i militari della stazione locale, che hanno preso in consegna l'arma, passandola alla compagnia di Tricase.

Al momento, sono in corso accertamenti preliminari: il sospetto, evidente, è che il fucile possa essere stato usato in qualche raid criminale nel Basso Salento. In seguito, verrà spedito presso i militari del Ris di Roma (Raggruppamento investigazioni scientifiche) per nuove verifiche e soprattutto per risalire alla matricola che è stata limata per non consentirne la leggibilità.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Molteplici benefici per chi cammina in riva al mare

I più letti della settimana

  • Spaccio di cocaina nella "movida": 13 arresti e quattro locali rischiano la chiusura

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Briatore scatenato su Instagram: “A Gallipoli mandano via gli yacht”

  • Scontro frontale tra due auto: 4 feriti. Coinvolta anche un’autocisterna

  • Scu, droga a fiumi e spari nella notte: in 46 rischiano il processo

Torna su
LeccePrima è in caricamento