Fuggono dalla comunità di Otranto, l'avventura dei ragazzi termina a Bari

Due minori ospiti del centro Chora sono stati rintracciati nel capoluogo pugliese. La polizia li ha scoperti tramite videocamere

OTRANTO – Duecento sono i chilometri che separano Otranto da Bari. Li hanno percorsi probabilmente salendo a bordo di treni, due ragazzi stranieri, un 16enne della Sierra Leone e un 15enne di origini pakistane. I due amici e “complici”, sotto la spinta della giovane età e della voglia di libertà e nuove scoperte, dopo aver progettato un piano di fuga, si sono allontanati dalla comunità educativa per minori “Chora” di Otranto. Ma la loro avventura è stata piuttosto breve. E' terminata davanti a una volante di polizia.

In un mondo sempre più videosorvegliato, sono stati proprio occhi elettronici a snidare i due giovani. I responsabili della comunità hanno segnalato l’allontanamento dei ragazzi alle autorità e le ricerche sono state diramate in tutta la regione Puglia. Come da prassi. Alla fine, la soluzione al mistero dove fossero svaniti i due giovani è arrivata dalla sala operativa della Questura di Bari.

I poliziotti in servizio, infatti, hanno notato due ragazzi le cui caratteristiche, a partire dall’abbigliamento, corrispondevano alla descrizione dei minori fornita al momento dell’allontanamento. E l'hanno fatto sfruttando la rete di telecamere di videosorveglianza installate nel capoluogo pugliese. Potere del Grande Fratello. Così, è stata inviata una volante nel luogo in cui sono stati avvistati. G

li agenti li hanno rintracciati e, in breve, dalle verifiche, sono risultati proprio i due ragazzi allontanatisi da Otranto. Ora sono stati affidati a una comunità barese, in attesa di essere riaccompagnati presso la struttura della Città dei Martiri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommozzatore in un pozzo: all’interno i resti del piccolo Mauro?

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Mezzo chilo di droga, pistole e munizioni: in manette zio e nipote

  • La barca s'incaglia, i tre pescatori tornano a riva sfidando il mare gelido

  • Dove c'era il lido, ecco spuntoni e detriti: scattano di nuovo i sigilli

Torna su
LeccePrima è in caricamento