Dopo l’autopsia i funerali: la salma della giovane mamma nel Salento

I famigliari hanno ottenuto finalmente il nullaosta dall’autorità giudiziaria. Il rito sabato prossimo, a Castrignano del Capo

Francesca Schirinzi.

CASTRIGNANO DEL CAPO – Dopo lo strazio che dura da oltre una settimana, i famigliari avranno un corpo da salutare per l’ultima volta. È giunta nel Salento la salma di Francesca Schirinzi, la donna 34enne di Castrignano del Capo, deceduta all’alba di mercoledì 13 marzo, nel Trevigiano, durante il parto naturale del suo secondo bambino. Un piccolo che non conoscerà mai la sua mamma.

Ottenuto il nullaosta da parte dell’autorità giudiziaria, al termine dell’autopsia, la salma è stata infatti trasportata presso il comune di origine della giovane mamma, per la sepoltura. I funerali sono previsti per sabato prossimo, 23 marzo, nel piccolo paese del Capo di Leuca. Il rito comincerà intorno alle 14. La comunità si è intanto stretta attorno alla famiglia di Francesca, distrutta da un dolore assurdo, in un momento che sarebbe dovuto invece essere di festa per tutti, compresa la piccola primogenita di appena quattro anni.

Proseguono intanto le indagini, anche interne, per capire che cosa sia accaduto nell’ospedale di Oderzo, dove Francesca si trovava al momento del parto.  Sono cinque i sanitari, tra infermieri e medici, iscritti nel registro degli indagati da parte della Procura della Repubblica di Treviso. L’esame autoptico ha evidenziato una embolia sul corpo della 34enne, che ha poi provocato gli arresti cardiaci. Ma non basterà una risposta clinica a placare un dolore tanto grande.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Auto sbanda e si ribalta un paio di volte: in due in prognosi riservata

  • Politica

    Frazione organica, ritiro a singhiozzo: le buste devono essere compostabili

  • Attualità

    De Candia e Leandro, memoria a rischio: le loro opere molto copiate dai falsari

  • Cronaca

    Il nuovo pentito della Scu: “La mia latitanza anche a Porto Cesareo”

I più letti della settimana

  • Finisce con la Porsche nei campi: muore durante il ricovero giovane imprenditore

  • Troppo gravi le ferite, muore in ospedale 25enne ferito in un incidente stradale

  • Sorpassa due auto, poi il frontale con la terza: 30enne in codice rosso

  • Violenta lite in famiglia. Colpisce con un coltello la cognata: arrestato

  • Torna il linguaggio mafioso a Parabita: minacce ai commissari e manifesti funebri al candidato

  • Carne conservata male e lavoratori in nero: maxi multa a un negoziante

Torna su
LeccePrima è in caricamento