Dopo l’autopsia i funerali: la salma della giovane mamma nel Salento

I famigliari hanno ottenuto finalmente il nullaosta dall’autorità giudiziaria. Il rito sabato prossimo, a Castrignano del Capo

Francesca Schirinzi.

CASTRIGNANO DEL CAPO – Dopo lo strazio che dura da oltre una settimana, i famigliari avranno un corpo da salutare per l’ultima volta. È giunta nel Salento la salma di Francesca Schirinzi, la donna 34enne di Castrignano del Capo, deceduta all’alba di mercoledì 13 marzo, nel Trevigiano, durante il parto naturale del suo secondo bambino. Un piccolo che non conoscerà mai la sua mamma.

Ottenuto il nullaosta da parte dell’autorità giudiziaria, al termine dell’autopsia, la salma è stata infatti trasportata presso il comune di origine della giovane mamma, per la sepoltura. I funerali sono previsti per sabato prossimo, 23 marzo, nel piccolo paese del Capo di Leuca. Il rito comincerà intorno alle 14. La comunità si è intanto stretta attorno alla famiglia di Francesca, distrutta da un dolore assurdo, in un momento che sarebbe dovuto invece essere di festa per tutti, compresa la piccola primogenita di appena quattro anni.

Proseguono intanto le indagini, anche interne, per capire che cosa sia accaduto nell’ospedale di Oderzo, dove Francesca si trovava al momento del parto.  Sono cinque i sanitari, tra infermieri e medici, iscritti nel registro degli indagati da parte della Procura della Repubblica di Treviso. L’esame autoptico ha evidenziato una embolia sul corpo della 34enne, che ha poi provocato gli arresti cardiaci. Ma non basterà una risposta clinica a placare un dolore tanto grande.

Potrebbe interessarti

  • Allergia al nichel: i sintomi e gli alimenti da evitare

  • I rimedi fai da te contro la micosi alle unghie

  • Fa davvero male dimenticarsi di cambiare le lenzuola?

  • Rimedi contro gli scarafaggi

I più letti della settimana

  • Scontro fra più veicoli sulla statale 274, muore donna travolta da un autocarro

  • Il malore improvviso, la caduta sull'asfalto. E poi arrivano gli angeli del 118

  • Batte con violenza fra collo e schiena sul fondale basso, 22enne in codice rosso

  • Affiancato e minacciato con pistole, costretto a cedere la sua moto

  • "Quell'uomo era morto. Una forza interiore mi ha spinto ad andare avanti"

  • Suv fuori controllo punta su di lei: con istinto felino la donna si mette in salvo

Torna su
LeccePrima è in caricamento