Fuoco alle sterpaglie, riporta ustioni di secondo grado

Una vampata improvvisa e un 44enne di Casarano ha perso il controllo della situazione: non è riuscito a contenere le fiamme, che nel frattempo si sono propagate, distruggendo cinque alberi di ulivo

incendio-5

UGENTO - Il lavoro che si era prefissato di svolgere questa mattina nel suo fondo agricolo, era quello di ripulire la campagna, accatastare le sterpaglie e poi dare fuoco per bruciarle. Ma qualcosa non ha funzionato.

Una vampata improvvisa e Franco Indraccolo, 44 anni, di Casarano, ha perso il controllo della situazione: non è riuscito a contenere le fiamme, che nel frattempo si sono propagate, distruggendo cinque alberi di ulivo.

L'uomo, oltre a essere svenuto a causa delle esalazioni del fumo, ha riportato ustioni di secondo grado, ed ora si trova ricoverato presso l'ospedale "Ferrari" di Casarano. Per lui, che comunque non è in pericolo di vita, i medici si sono riservata la prognosi.

Ad accorgersi di quel che stava accadendo, una persona che si trovava nei paragi, la quale non ha perso tempo ed ha allertato immediatamente i vigili del fuoco. Intervenuti sul posto, hanno iniziato le operazioni di spegnimento, mentre nel frattempo è giunta un'ambulanza del 118, che ha provveduto a trasportare il 44enne in ospedale. Sul luogo anche i carabinieri della compagnia di Casarano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel Salento 54 casi nei due ultimi giorni. Nessuno attribuito capoluogo

  • In Puglia 124 nuovi contagiati. Due decessi, uno in provincia di Lecce

  • “Il mostro è arrivato dentro casa”: La Fontanella, sono 31 i contagiati

  • Il giorno più pesante: 152 nuovi casi accertati, un quarto nel Salento

  • Commessa contagiata? Chiude il supermercato. Dipendenti in quarantena

  • Doppia tragedia: 70enne si lancia nel vuoto. Una donna cade durante le pulizie

Torna su
LeccePrima è in caricamento