Fuoco, distrutto lo studio di un avvocato

Il rogo nella notte ha ridotto in cenere anni di lavoro di un avvocato di Tricase. Misterioso movente: il professionista non si occupa di processi penali

Trent'anni di lavoro in fumo. Pratiche legali ridotte in cenere. Non aveva ricevuto intimidazioni l'avvocato Giovanni Crisostomo, sessantunenne di Tricase. Nella scorsa notte qualcuno ha appiccato le fiamme al suo studio, in via Catalano, numero 2. L'incendio ha distrutto arredi, computer, carte. Fascicoli compromettenti? Macchè, l'avvocato si occupa della branca civilistica del diritto, il penale lo tratta marginalmente. Nessun incartamento legato a processi scottanti sulla sua scrivania.

E allora? Una mano criminale che ha agito senza un motivo? Il dolo appare evidente. Lo scopriranno i carabinieri della locale Stazione, al comando del capitano Nicola Candido, il movente che ha spinto qualcuno a forzare la porta d'ingresso e ad appiccare il fuoco poi domato dai vigili del fuoco.
Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Distrutti dalle fiamme nella notte quattro mezzi di una ditta edile

    • Cronaca

      Omicidio Renda in Messico: l'accusa presenta il conto per omicidio volontario

    • Cronaca

      Fa leva sul ricordo dell’amico morto e truffa un frate francescano: ricercato

    • Cronaca

      Poliziotto e avvocato, ma finti: cede i gioielli per incidente mai avvenuto

    I più letti della settimana

    • Consumi alterati nel ristorante: calamita per ridurli del 70 per cento

    • Travolto dal treno, sopravvive: senza tre dita striscia da sotto la motrice

    • Ucciso a 14 anni per difendere la sorellina, il suo assassino sarà presto libero

    • Fuori strada in auto e ricoverati: 18enne positivo ad alcool e cocaina

    • Finisce contro auto su cui viaggia famiglia con bambini: 80enne muore in ospedale

    • Immortalato mentre incendia suv di una casalinga: danni anche alle case vicine

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento