Fuoco, distrutto lo studio di un avvocato

Il rogo nella notte ha ridotto in cenere anni di lavoro di un avvocato di Tricase. Misterioso movente: il professionista non si occupa di processi penali

Trent'anni di lavoro in fumo. Pratiche legali ridotte in cenere. Non aveva ricevuto intimidazioni l'avvocato Giovanni Crisostomo, sessantunenne di Tricase. Nella scorsa notte qualcuno ha appiccato le fiamme al suo studio, in via Catalano, numero 2. L'incendio ha distrutto arredi, computer, carte. Fascicoli compromettenti? Macchè, l'avvocato si occupa della branca civilistica del diritto, il penale lo tratta marginalmente. Nessun incartamento legato a processi scottanti sulla sua scrivania.

E allora? Una mano criminale che ha agito senza un motivo? Il dolo appare evidente. Lo scopriranno i carabinieri della locale Stazione, al comando del capitano Nicola Candido, il movente che ha spinto qualcuno a forzare la porta d'ingresso e ad appiccare il fuoco poi domato dai vigili del fuoco.
Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      L'Inail fotografa un Salento nero: 9 morti sul lavoro solo nel 2016

    • Politica

      Ex Agip, pubblicato il bando: per il recupero costi stimati in 380mila euro

    • Politica

      Nelle case popolari 187 contatori individuali per l'acqua. Primi interventi

    • Politica

      Statale 275, Anas incontra Regione e sindaci per illustrare l’intervento sul primo tratto

    I più letti della settimana

    • Il treno diretto a Lecce riparte: scivola sui binari, lamiera gli trancia braccio e gamba

    • Le complicazioni non lasciano scampo: muore il 35enne, donati gli organi

    • Impatto violento contro il guard-rail, in ospedale con codice rosso

    • Incidente in moto, si aggrava dopo 24 ore: in Rianimazione

    • Violento pestaggio in pieno centro, trenta giorni per gravi ferite al volto

    • Nel furgone una tonnellata di “erba” appena sbarcata: preso ex contrabbandiere

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento