Fuoco, distrutto lo studio di un avvocato

Il rogo nella notte ha ridotto in cenere anni di lavoro di un avvocato di Tricase. Misterioso movente: il professionista non si occupa di processi penali

Trent'anni di lavoro in fumo. Pratiche legali ridotte in cenere. Non aveva ricevuto intimidazioni l'avvocato Giovanni Crisostomo, sessantunenne di Tricase. Nella scorsa notte qualcuno ha appiccato le fiamme al suo studio, in via Catalano, numero 2. L'incendio ha distrutto arredi, computer, carte. Fascicoli compromettenti? Macchè, l'avvocato si occupa della branca civilistica del diritto, il penale lo tratta marginalmente. Nessun incartamento legato a processi scottanti sulla sua scrivania.

E allora? Una mano criminale che ha agito senza un motivo? Il dolo appare evidente. Lo scopriranno i carabinieri della locale Stazione, al comando del capitano Nicola Candido, il movente che ha spinto qualcuno a forzare la porta d'ingresso e ad appiccare il fuoco poi domato dai vigili del fuoco.
Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Operazione "Twilight", il Riesame: "Non sussiste alcuna associazione"

    • Cronaca

      Infermieri sul piede di guerra. L'Asl annulla l'avviso di selezione urgente

    • Cronaca

      Paura all'interno del liceo: una studentessa si taglia le vene durante il compito

    • Incidenti stradali

      Scontro micidiale a un incrocio, donna 39enne in prognosi riservata

    I più letti della settimana

    • Ducato in fiamme sulla statale 274: stava trasportando studenti a casa

    • Il tir colpisce il ponte sulla statale: pioggia di calcinacci fra le vetture

    • Nonna confonde bimbo, il padre si mette a urlare: "Rapiscono mio figlio"

    • ll killer "Triglietta" aggredisce due agenti in carcere: lo rivela il Sappe

    • Nel Salento ci si continua a “bucare”. Centinaia di nuovi eroinomani in un anno

    • Coniglietti di cioccolato, pesce e mangime per animali: tutto scaduto. Sequestri in città

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento