Furti nelle chiese, l'accusa invoca condanne per 40 anni di reclusione

La chiesa di Parabita, parte civile nel processo abbreviato, chiede il risarcimento di 10mila euro a uno degli otto imputati

LECCE - Rischiano oltre 40 anni di reclusione gli otto presunti componenti della banda di Casarano specializzata nei furti soprattutto nelle chiese del basso Salento, smantellata il 6 marzo scorso con l’operazione “Santi Medici”. 

Il pubblico ministero Roberta Licci, al termine di una lunga requisitoria (durata circa due ore), ha invocato le seguenti condanne nel processo che si è aperto oggi col rito abbreviato: 6 anni e 8 mesi per Luigi De Micheli, di 26 anni; 3 anni e mezzo per Antonio Sergio Crisigiovanni, di 28 anni; 4 anni e 11 mesi per Gianluca De Paolis, di 31; un anno e 8 mesi per Veronica Iacobazzi, di 31; 8 anni per Lucio Parrotto, di 29 anni; un anno e 8 mesi per Antonella Stefano, di 25; 5 anni e 6 mesi per Antonio Valentino, di 38; 12 anni per Emanuele Zompì, di 28.

Tutti rispondono di associazione per delinquere dedita ai furti principalmente negli istituti religiosi. Stando alle indagini, avviate nel novembre del 2015 dai carabinieri della compagnia di Maglie, i colpi sarebbero stati più di venti in diversi comuni del Salento. La chiesa di Parabita che, durante l’udienza preliminare si era costituita parte civile, oggi ha presentato il conto a uno degli imputati, De Micheli, chiedendogli il risarcimento di 10mila euro.

Il processo è stato aggiornato al 26 ottobre per le arringhe dei difensori (gli avvocati Mario Coppola, Luca Puce e Marco Maria Costantino), al termine delle quali il giudice Vincenzo Brancato emetterà il verdetto.  

Ha, invece, già chiuso il suo conto con la giustizia patteggiando un anno (attraverso gli avvocati Attilio De Marco e Selene Mariano), Alessio Ciriolo, di 27 anni, al quale era contestato un furto (anche lui tra i destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Simona Panzera).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro, quattro feriti. Ragazzo di 22 anni finisce ricoverato in coma

  • Le mani della Scu sul gioco d’azzardo: arresti e sequestro da 7 milioni di euro

  • Auto acquistate con “Spot&Go”, scatta l’inchiesta: s’indaga per truffa

  • Perde un anello molto prezioso e lo ritrova lanciando un appello su facebook

  • In poche ore due spaventosi incidenti con feriti sulle strade del Salento

  • Formaggi venduti per Grana e conservati dal gommista, scatta il sequestro

Torna su
LeccePrima è in caricamento