Ladri in due case, un terzo colpo nel bar fallisce: i vigilanti li notano contromano

Tra la serata di ieri e la notte sono tre i furti, tra tentati e riusciti, a Lecce e Trepuzzi. Il bottino è di due anelli

Foto di repertorio

LECCE – Due furti riusciti e uno tentato: è il bilancio delle ultime ore nel Salento. Dalla serata di ieri, infatti, i topi d’appartamento hanno svaligiato due abitazioni in città. Ma un terzo colpo, tentato a Trepuzzi, è invece fallito. I primi due episodi intorno alle 22, nei pressi di via Vecchia Frigole e ai danni di altrettante case, confinanti. Approfittando dell’assenza della famiglia del primo appartamento, al piano terra, i ladri si sono introdotti da una finestra, rovistando nelle stanze di proprietà di una donna anziana. Hanno portato via soltanto un paio di anelli, del valore di alcune centinaia di euro.

Dall’appartamento confinante, di una parente della vittima, ma al momento disabitato, i malviventi non hanno trovato nulla di appetibile. L’accaduto è stato scoperto dalla malcapitata, una volta rincasata. Ha poi notato qualcosa di strano anche nell’appartamento accanto e, dal controllo, è emerso il passaggio dei ladri. Il sopralluogo è stato eseguito dagli agenti della sezione volanti, allertati dalla stessa vittima. Alcune ore più tardi, intorno alle 4, malviventi hanno inoltre preso di mira il bar “Belleville” di Trepuzzi, già colpito più volte in passato.

Sono stati le guardie giurate dell’istituto di vigilanza “La vigile security” a notare un’auto controsenso, con gli abbaglianti puntati per distogliere l’attenzione dalla targa. Il conducente della vettura si è allontanato rapidamente alla vista del mezzo dell’agenzia di sicurezza. La porta di ingresso della caffetteria era stata forzata ma, fortunatamente, senza che i ladri abbiano potuto portare via nulla.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento