Tabaccheria svaligiata di notte, ma i ladri potrebbero avere le ore contate

A Gallipoli rubate stecche di sigarette e soldi ne "L'angolo della Fortuna". Ma un testimone ha instradato gli investigatori. Accertamenti su quattro soggetti

GALLIPOLI – Hanno letteralmente svaligiato la tabaccheria. L’approvvigionamento di stecche era stato fatto giusto lunedì. E con le bionde, i ladri hanno portato via anche corposo denaro, ricavato da Lottomatica. Un danno notevole, per il gestore del "L’angolo della Fortuna" di Gallipoli, in viale Bari. Ma i malviventi potrebbero avere le ore contate. Il condizionale è d’obbligo, perché gli approfondimenti sono in corso proprio queste ore. La polizia stradale, infatti, ha intercettato un’auto più che sospetta. E ora vi sono verifiche su quattro soggetti, sebbene due siano quelli materialmente indiziati del furto avvenuto nella notte. La vicenda, infatti, sembra intrecciarsi con un’altra indagine già avviata, che tocca la provincia di Brindisi.

Ma è bene andare con ordine. Erano le 3 circa di notte quando almeno due uomini sono arrivati davanti alla rivendita di tabacchi gallipolina. Erano incappucciati, secondo quanto riferito un testimone diretto. E preziosi sono stati i suoi occhi, perché la videocamera esterna dell’attività commerciale non è utilizzabile. Per prima cosa, infatti, la banda ha pensato bene di metterla fuori uso a colpi di piede di porco. Lo stesso attrezzo usato per forzare l’uscio, infilarsi nella tabaccheria e depredarla.

Ma, a quanto sembra, non tutto è filato liscio per i malviventi. Un vicino, probabilmente svegliatosi per il trambusto, ha visto i ladri in fuga e richiesto l’intervento delle forze dell’ordine. Sul posto, in prima istanza, sono arrivati i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile. Ma nel frattempo, avvisato anche il Commissariato di polizia e diramate le ricerche in tutta la provincia, un’autovettura sospetta è stata avvistata dalla polizia stradale di Lecce. Viaggiava a forte velocità verso la periferia di Brindisi.

Ne sarebbe scaturito un inseguimento, con il supporto della stradale brindisina, terminato con la via sbarrata ai soggetti all’altezza della zona industriale del capoluogo della provincia limitrofa. Ora, però, vi sono accertamenti. Bisogna confrontare innanzitutto quanto rinvenuto nell’auto. Un raffronto incrociato con la refurtiva sottratta alla tabaccheria, per capire se davvero si tratti degli stessi o di altri. Non solo. La vicenda sembra promettere ulteriori sviluppi, perché, come detto, sono più di due le persone sulle quali si è posata la lente investigativa. Non solamente, dunque, chi sarebbe stato trovato nel veicolo.

Di sicuro, per Gallipoli è stata una notte davvero movimentata. Quasi nelle stesse ore, infatti, in un punto neanche tanto lontano, altri malviventi hanno appiccato le fiamme al portone di casa e del bed & breakfast dell'imprenditore Marcello Barone (ne riferiamo a parte). 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Preoccupatevi di vedere che gli alloggi siano abbastanza confortevoli,perché poi, nel caso di domiciliari, non abbiano da lamentarsi se stanno stretti o altro.Maledetti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Intercettazioni su Marti, la Giunta della Camera dei deputati si tira fuori

  • Cronaca

    Furti dalla borsa e prelievi, badante infedele sottrae migliaia di euro

  • Cronaca

    Vetri in frantumi di notte: tentativo di furto o vandalismo? Al vaglio i filmati

  • settimana

    Torna il linguaggio mafioso a Parabita: minacce ai commissari e manifesti funebri al candidato

I più letti della settimana

  • Finisce con la Porsche nei campi: muore durante il ricovero giovane imprenditore

  • Accerchiata la masseria dello spaccio. E in una grotta, droga a volontà e un'arma

  • Troppo gravi le ferite, muore in ospedale 25enne ferito in un incidente stradale

  • Attendono il direttore, arrivano i carabinieri: banda colta sul fatto

  • Mercatone Uno, doccia fredda per 256: chiesto concordato preventivo

  • Cocaina, materiale esplosivo e arma in cassaforte: arresti e denunce

Torna su
LeccePrima è in caricamento