Ladri di notte nel poliambulatorio, sradicata cassetta di sicurezza

Il furto ai danni della struttura sanitaria di Gagliano del Capo. Sul posto, per le indagini, i carabinieri. Dentro c'erano diverse migliaia di euro. Si cercando videocamere che abbiano immortalato passaggi sospetti nella zona

GAGLIANO DEL CAPO – Hanno “lavorato” indisturbati nel cuore della notte. Non si sa quanti fossero e in che orario abbiano agito. Ma gli effetti del passaggio dei ladri si sono ben  visti questa mattina, presso il poliambulatorio dell’Asl di Gagliano del Capo (l’ex ospedale). Porta d’ingresso forzata per poi infilarsi negli uffici amministrativi, in vista dell’assalto finale, quello alla cassetta di sicurezza.

Il forziere era incassato nel muro, ma questo non ha rappresentato certo un ostacolo insormontabile per i malviventi che, all’appuntamento per il furto, si sono presentati evidentemente ben dotati di arnesi per lo scasso. Sono così riusciti a sradicarlo per portarlo via con sé e aprirlo con più calma in un luogo appartato. Dentro c’era qualche migliaio di euro in contanti, una somma ancora non quantificata in modo preciso.  

La scoperta è avvenuta questa mattina. Sul posto sono stati chiamati a intervenire i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Tricase. Le indagini, però, non sono semplici. Sembra, infatti, che non vi siano filmati nella struttura. Così, i militari stanno verificando se nei dintorni di via San Vincenzo, dove sorge il plesso, vi siano videocamere che possano aver immortalato qualcosa.

A primi del 2017, il poliambulatorio finì ancora una volta nelle cronache per un altro furto, in quel caso davvero particolare. I ladri, infatti, prima rubarono, poi, solo pochi giorni dopo, restituirono un ecografo. Il furto aveva gettato nella disperazione il personale sanitario, vista l'importanza dello strumento diagnostico, tanto che il direttore del distretto lanciò persino un appello, richiedendone la restituzione.

E, chissà, forse mossi da sincero pentimento, oppure – più concretamente - consapevoli che non sarebbe stato affatto semplice piazzare un simile macchinario, alla fine i malviventi fecero davvero in modo che l’ecografo fosse ritrovato. Ma questa volta, non bisogna disporre di doti divinatorie per sapere in anticipo che non vi sarà alcun ripensamento. Il poliambulatorio può ben dire addio alla cassetta di sicurezza e al suo contenuto.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Giro di armi da fuoco e monopolio imposto sul servizio navette: sei arresti

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Preoccupazione per il vento delle prossime ore: allerta “gialla” sul Salento

Torna su
LeccePrima è in caricamento