Inseguito, rapinato e ferito al braccio dal connazionale: identificato aggressore

L’episodio nella zona della stazione ferroviaria di Lecce, lo scorso 9 agosto. Un ragazzo del Ghana è stato aggredito da un altro giovane straniero

Foto di repertorio.

LECCE – Identificato l’autore di una delle aggressioni avvenute nella zona della stazione ferroviaria di Lecce. Si tratta di un episodio di violenza che si è verificato nel pomeriggio dello scorso 9 agosto, nel piazzale antistante lo scalo, ai danni di un 23enne del Ghana. Il presunto autore è stato scoperto dai carabinieri della compagnia di Lecce e denunciato.

Si tratta di A.L., un 24enne senza fissa dimora, connazionale del ferito. Ora risponderà dell’accusa di lesioni personali e rapina per quanto accaduto. Tutto è accaduto in pochi attimi, quando il malcapitato è stato colpito da un oggetto tagliente all’altezza del braccio. E non è tutto. L’aggressore ha inseguito il ragazzo anche con dei cocci di bottiglia tra le mani e supportato dai “rinforzi”: per inseguire la vittima, dopo averle sottratto il cellulare, infatti, avrebbe richiesto l’aiuto di altri conoscenti. Tanto da costringere la vittima a rifugiarsi in un b&b della zona, spaventando peraltro il proprietario.  Soccorso e accompagnato in ospedale, il ferito è stato trovato con una lesione da taglio, poi giudicata guaribile in circa due settimane.

A Veglie

I carabinieri, questa volta della stazione di Veglie, hanno anche arrestato un ragazzo di Monteroni di Lecce: si tratta di Maicol Garofalo, 23enne noto alle forze dell’ordine. Il giovane, fermato in flagranza di reato, risponderà di furto aggravato. E’ stato infatti sorpreso, durante un servizio di controllo, a rubare un’Ape Piaggio di un uomo del posto. Il mezzo è stato recuperato e restituito alla vittima. Il 23enne, al termine delle formalità di rito, ristretto ai domiciliari presso la propria abitazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Giro di armi da fuoco e monopolio imposto sul servizio navette: sei arresti

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

Torna su
LeccePrima è in caricamento