Ignoti mettono fuoco a un piccolo immobile disabitato a Lido Conchiglie

E' successo a tarda ora. Sul posto vigili del fuoco e carabinieri. Non c'è forse un vero movente. Il proprietario abita al nord

SANNICOLA – Probabilmente è stato un atto vandalico fine a se stesso e senza alcuna motivazione più grave e inquietante sottostante. Di certo, la vicenda ha dovuto mettere in moto sia i vigili del fuoco, sia i carabinieri, per i necessari approfondimenti. Nella notte, infatti, ignoti sono entrati dentro un immobile praticamente disabitato e del vuoto di mobilia o altro, appiccando le fiamme. E’ stato usato del liquido infiammabile, e alcuni residui sono stati anche trovati.

L’immobile in questione è un fabbricato di 45 metri, al centro di un terreno privato, nelle campagne di Lido Conchiglie, località rivierasca nei pressi di Gallipoli e che ricade nel territorio di Sannicola. Il proprietario è un imprenditore residente a Brescia. Sono rimaste annerite le pareti. Sul posto, per gli accertamenti, i carabinieri del Norm di Gallipoli e della stazione di Sannicola.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • settimana

    Minacce e proiettili a Parabita: lo Stato accanto ai commissari nelle elezioni

  • Cronaca

    "Violentò la figlia della convivente": condannato a 7 anni e 4 mesi

  • Attualità

    Reddito di cittadinanza, sono oltre 8 mila le domande accolte tra Lecce e provincia

  • Politica

    Esuberi e rischio licenziamenti in Sirti: i lavoratori si fermano per 4 ore

I più letti della settimana

  • Finisce con la Porsche nei campi: muore durante il ricovero giovane imprenditore

  • Accerchiata la masseria dello spaccio. E in una grotta, droga a volontà e un'arma

  • Troppo gravi le ferite, muore in ospedale 25enne ferito in un incidente stradale

  • Attendono il direttore, arrivano i carabinieri: banda colta sul fatto

  • Cocaina, materiale esplosivo e arma in cassaforte: arresti e denunce

  • Sorpassa due auto, poi il frontale con la terza: 30enne in codice rosso

Torna su
LeccePrima è in caricamento