Il voto scritto sul viso dell'alunno. Presto la verità

Interrogatori dei carabinieri ai bambini del terzo circolo didattico di Nardò. Il pubblico ministero Rizzo prova a chiarire la vicenda dell'insegnante dai metodi a dir poco originali

tribunale_lecce-6
Abuso dei mezzi di correzione o di discplina è il reato che avrebbe commesso l'insegnante del terzo circolo didattico di Nardò che due mesi fa avrebbe scritto il voto sulla guancia dell'alunno. L'indagine è curata dal sostituto procuratore della Repubblica, Maria Cristina Rizzo. L'insegnante scrisse "Lettura bravissimo" sul viso del bambino che aveva dimenticato a casa il quaderno a casa.

Lo scolaro, di seconda elementare, è apparso turbato ai suoi genitori. La madre, di Santa Maria al Bagno, aveva visto una macchia blu di biro sulla guancia destra del bambino, i quali hanno sporto querela alla Procura della Repubblica di Lecce. Pare che stesso trattamento sia stato riservato dall'originale insegnante a un altro alunno. La madre dell'alunno ha capito il motivo del gesto da una nota sul diario del figlio. La donna. Che è assistita dall'avvcoato Giuseppe Minerva, ha protestato con l'insegnante, la quale ha sostenuto che il voto scritto in faccia rappresentava una
gratificazione, che era percepita come un gioco dal destinatario.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Se i "direttori" facessero i "Direttori Didattici" e non i firmacarte e nei collegi spiegassero ai loro insegnanti il comportamento da tenere con gli alunni i quali sono portatori degli stessi diritti degli adulti con l'unica differenza che non possono agire direttamente ma tramite gli adulti, certi insegnanti farebbero meno giochi stupidi ed eviterebbero certi errori. Chiedo alla maestra: se un suo figlio fosse ritornato dalla scuola con la faccia imbrattata avrebbe fatto lei i salti di gioia??? e perchè i fiogli degli altri devono essere diversi dai nostri???. Se non si fosse l'errore di base che nella pubblica amministrazione quando uno "vince un concorso" in realtà "vince un vitalizio" e ci fosse realmente la possibiità di licenziare i fannulloni, gli ignoranti e gli incacaci forse le cose andrebbero diversamente.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Cronaca

    Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Politica

    Scintille in centro: solidarietà dalla sinistra, parole dure dalla destra

  • Politica

    Pizzarotti, il dissidente del M5S che ha conquistato Parma punta sull'Europa

I più letti della settimana

  • Oltre 1 chilo di cocaina, arrestato il fratello del boss del clan "Vernel"

  • Assalto al furgone portavalori partito da Lecce: esplosi colpi di Kalashnikov

  • Far West vicino alla banca: spari in aria, rapinati 35mila euro

  • Perde il controllo, schianto sul muro: muore un uomo di 58 anni

  • Ruba un'automobile e raggiunge la marina, ma si trova davanti i carabinieri

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

Torna su
LeccePrima è in caricamento