In casa pistole, 85 proiettili e bossoli: 40enne torna in libertà

Durante l’interrogatorio col giudice, Volpi ha chiarito la provenienza delle armi rinvenute due giorni fa dai carabinieri: “E’ tutto in regola”

COPERTINO - Ha spiegato di avere un regolare porto d’armi per uso sportivo, di aver ereditato una delle due pistole trovate nella sua abitazione dai carabinieri e che la canna di 9 centimetri, ritenuta sospetta, è venduta in dotazione proprio con una di queste armi.

Si è difeso così Ferdinando Volpi, il 40enne di Copertino ai domiciliari da due giorni con l’accusa di detenzione di armi clandestine.

Lo ha fatto questa mattina davanti al giudice Edoardo D’Ambrosio, alla presenza dell’avvocato difensore Laura Alemanno. Ed è proprio all’esito dell’interrogatorio, durante il quale il 40enne ha spiegato inoltre che il quantitativo di proiettili e le munizioni rinvenute dai militari corrisponde al limite previsto dalla legge, che il giudice gli ha restituito la libertà, imponendogli l’obbligo di presentarsi ai carabinieri.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Quindi se il giudice ha deciso di metterlo in libertà ma con obbligo di firma si è verificato un caso di doppia ignoranza??? E probabile che l arma non fosse ancora stata registrata presso il comando carabinieri??

  • L'ho scritto subito appena uscita la notizia. Come volevasi dimostrare, nessun reato. Libero e senza scuse per l'ignoranza di chi dovrebbe controllare prima di prendere granchi. Eppure oggi i comandanti di Stazione dei CC hanno elevati titoli di studio, anche laureati, a differenza di cinquant'anni fa. Chiunque dovesse avere necessità nel settore delle armi può contattare gratuitamente questo forum: http://forum.biscusoarmitalia.com/

  • in effetti qualcosa non quadra ...se c è matricola già l arma non è clandestina ...bho...mistero... .

  • Nell'articolo precedente il giornalista era stato chiaro, ossia che le armi erano regolarmente detenute, almeno così mi é sembrato di leggere. Intanto questo signore é finito sulle pagine della cronaca nera, insieme a fior di delinquenti. Ma si può???? I Pooh in una loro canzone cantavano che in Italia si può.

  • Ma prima di arrestare non vengono studiate le leggi??? Già nell'altro articolo si specificava che il revolver 357 magnum era legalmente detenuto, la beretta cal .22lr anche (e comunque effettivamente quel modello di arna viene venduta con due canne di diversa lunghezza e due canne non posso avere la stessa matricola e due matricole diverse ti vanno ad occupare un posto in più in denuncia) ed infine i proiettili, una novantina circa rientrano perfettamente nel limite di legge (che è di 200 pezzi) e i bossoli esplosi sono di libera detenzione, quindi non vedo dove stava il reato... Mah... E queste sono le forze dell'ordine che devono "difenderci"....

    • Hai perfettamente ragione, io chiederei i danni a coloro che hanno provocato questo pasticcio.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Cronaca

    Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Politica

    Scintille in centro: solidarietà dalla sinistra, parole dure dalla destra

  • Politica

    Pizzarotti, il dissidente del M5S che ha conquistato Parma punta sull'Europa

I più letti della settimana

  • Oltre 1 chilo di cocaina, arrestato il fratello del boss del clan "Vernel"

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Assalto al furgone portavalori partito da Lecce: esplosi colpi di Kalashnikov

  • Far West vicino alla banca: spari in aria, rapinati 35mila euro

  • Perde il controllo, schianto sul muro: muore un uomo di 58 anni

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

Torna su
LeccePrima è in caricamento