In due strattonano e feriscono anziano per rapina, scattano le manette

Un 26enne e un 38enne, entrambi di Nardò, fermati dai carabinieri di Galatone. Dieci giorni addietro erano entrati in un fondo agricolo per sottrarre attrezzature e materiale vario. Scoperti, avevano pure malmenato il malcapitato

Foto di repertorio.

GALATONE – I carabinieri li avevano identificati praticamente subito, senza esitazioni. Ed erano stati entrambi iscritti nel registro degli indagati. La rapina, avvenuta dieci giorni addietro, il 21 gennaio, è ora costata l’arresto a Giuseppe Delle Donne, 26enne, e Giuseppe Dolce, 38enne. Entrambi di Nardò e noti alle forze dell’ordine.

E pensare che tutto era nato da uno dei furti più banali, quello di materiale ferroso e di attrezzature varie, all’interno di un terreno privato, al confine territoriale fra Galatone e Sannicola. Purtroppo, una vera e propria disdetta per tanti possessori di terreni, costretti a fare i conti con intrusioni continue e con danni a volte anche molto costosi.

Forse i due, che probabilmente sono avvezzi a simili incursioni, non si aspettavano, quel tardo pomeriggio, che spuntasse all’improvviso il proprietario. Un anziano. Colti alla sprovvista, i due avrebbero potuto semplicemente squagliarsela. E invece, pur di portare a segno la loro “missione”, non avevano esitato a spingere e strattonare il poveretto, fino a farlo cadere per terra e procurandogli così anche delle lesioni.

Quella sera, dopo una telefonata al 112, sul posto erano arrivati i carabinieri della stazione di Galatone, coordinati dal comandante, il luogotenente Riccardo Minerba. I due si dovevano davvero essere affezionati alla refurtiva, tra cui alcuni motori elettrici, per reagire in quel modo scomposto. Fino a ferire il pensionato, poi medicato e giudicato guaribile in dieci giorni.

Fuggiti a bordo del furgone con il quale avevano raggiunto poco prima il podere, erano però state fornite perfette descrizioni. La vittima li aveva visti bene e si era segnato mentalmente molti dettagli, combaciati perfettamente con quanto verificato poco dopo dai carabinieri: abbigliamento, corporatura, descrizione del mezzo di trasporto.

Una volta accertato che gli autori altri non erano se non i due neretini, era stato informato il pubblico ministero di turno, che aveva subito richiesto al giudice per le indagini preliminari – ottenendola – una misura cautelare in carcere. Oggi, alle porte di casa dei due hanno così bussato i militari, per presentare il salato conto della malefatta.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • cosa dire,immagino che siano delle valide risorse italiche, loro e le loro famiglie, la giusta pena, altro che rieducazione, se nasci tundu, non puoi morire quadrato, quindi a zappare nel vero senso a 3 euro l ora per 8 ore al giorno, solo perché stamattina siamo clementi

  • avvisate salvini

Notizie di oggi

  • settimana

    Minacce e proiettili a Parabita: lo Stato accanto ai commissari nelle elezioni

  • Cronaca

    "Violentò la figlia della convivente": condannato a 7 anni e 4 mesi

  • Attualità

    Reddito di cittadinanza, sono oltre 8 mila le domande accolte tra Lecce e provincia

  • Politica

    Esuberi e rischio licenziamenti in Sirti: i lavoratori si fermano per 4 ore

I più letti della settimana

  • Finisce con la Porsche nei campi: muore durante il ricovero giovane imprenditore

  • Accerchiata la masseria dello spaccio. E in una grotta, droga a volontà e un'arma

  • Troppo gravi le ferite, muore in ospedale 25enne ferito in un incidente stradale

  • Attendono il direttore, arrivano i carabinieri: banda colta sul fatto

  • Cocaina, materiale esplosivo e arma in cassaforte: arresti e denunce

  • Sorpassa due auto, poi il frontale con la terza: 30enne in codice rosso

Torna su
LeccePrima è in caricamento