Girava armato, scatta operazione lampo Aveva già sparato per i latrati di un cane

Antonio Martina, 46enne di Lecce, bloccato da un piccolo esercito di poliziotti che hanno fatto irruzione in un condominio di via Martiri d'Otranto dopo la segnalazione di cittadini intimoriti. Lo scorso anno esplose colpi contro casa di alcune vicine. Aveva anche cocaina ed eroina

LECCE – Lo scorso anno finì nei guai per aver esploso colpi di pistola contro l’abitazione di alcune vicine, donne straniere. La loro colpa? Avevano un cane che abbaiava troppo e per Antonio Martina, 46enne di Lecce, questo non andava bene. Per sanare l’onta subita dai suoi timpani, decise quindi di premere il grilletto. La sua prodezza finì sui giornali e lui in arresto.

Ora lo stesso uomo è tornato al centro delle attenzioni perché scoperto nuovamente con un’arma da fuoco. Martina riesce a procurarsi armi con la stessa facilità con cui un tabagista acquista pacchetti di sigarette. E non solo. Se già nella prima occasione, datata settembre 2014, la scoperta di dosi di eroina portò al sospetto che potesse anche spacciare, il fatto che ancora una volta sia sbucato dello stupefacente in casa, sembra avvalorare ancor di più questa tesi.

antonio_martina-3-2-3E’ stata un’operazione lampo, quella della polizia. Tutto nato intorno alle 10,45 da diverse segnalazioni di cittadini molto preoccupati, che hanno chiamato il 113 perché l’hanno visto aggirarsi in via Martiri d’Otranto con una pistola in mano.

Ovviamente, gli agenti non hanno perso tempo. E sul posto si sono fiondati gli agenti per il primo intervento, istituiti da poco, alle dipendenze dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso, insieme ai poliziotti della Sezione volanti e del Reparto prevenzione crimine “Puglia meridionale”. Un piccolo esercito che ha invaso via dei Martiri d’Otranto, nei pressi della stazione ferroviaria convergendovi da più punti della città.

Pistola-33-9E’ scattato un controllo a tappeto dei condomini fin quando non hanno individuato, all’interno di uno di questi Martina. Peraltro subito sospettato, visto il fresco precedente. Era appena entrato dall’esterno della strada.

Subito bloccato, durante la perquisizione è stato trovato in possesso di una pistola Sig Sauer calibro 9 con matricola abrasa e sei proiettili nel caricatore, inserito. E aveva anche 3,96 grammi di cocaina e 0,74 di eroina.

Sentito il magistrato di turno, è stato tratto in arresto per detenzione illegale di arma da fuoco e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Si trova già nel carcere di Lecce. Con la speranza che vi resti più a lungo dell’ultima volta.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Giro di armi da fuoco e monopolio imposto sul servizio navette: sei arresti

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

Torna su
LeccePrima è in caricamento