Via Terni, roghi senza sosta: un'altra auto in fiamme. E' allarme

Ieri sera, l'ennesimo veicolo, parcheggiato in un'area recintata, è stato avvolto dalle fiamme, nella zona di viale dello Stadio. L'ultimo episodio analogo è avvenuto appena una settimana addietro. Sale la preoccupazione tra i residenti

I vigili del fuoco (Foto di repertorio)

LECCE  - Intorno alle 22,30, le auto incendiate in via Terni, nel rione San Sabino, sono salite a sette. Si susseguono, senza tregua, gli incendi dei mezzi parcheggiati per strada. E non solo, in una delle zone della città dove la preoccupazione dei residenti per quanto accade con frequenza impressionante è ormai alta. Quando sono divampate le fiamme l'auto si trovava parcheggiata all'interno di una recinzione,  motivo per il quale, fortunatamente, l'incendio non ha coinvolto altre autovetture. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i gli inquirenti per avviare le indagini. Non si conoscono, al momento, le cause che avrebbero scatenato l'incendio. Le prossime ore potrebbero essere determinanti se si sia trattato di un'autocombustione, scatenata da un cortocircuito, o se la natura dell'accaduto sia piuttosto dolosa. Nessuna pista al momento è esclusa.

Poco prima dell'alba di Ferragosto, un doppio rogo aveva colpito una Fiat Punto, di proprietà di M.G., un rappresentante 57enne residente a Lecce ed una Renault Twingo, appartenente a C.P., un pensionato della zona di 64 anni.  Nella notte tra il 6 e il 7 agosto, invece, poco prima della mezzanotte, un altro rogo aveva travolto la parte posteriore di una Ford Fiesta, modello station wagon, intestata ad un militare della guardia di finanza e, meno di un'ora dopo, un'Opel Astra, intestata ad un commerciante di prodotti ortofrutticoli, già noto alle forze dell'ordine. Un mese addietro, inoltre, nelle prime ore del mattino dell'8 luglio, un doppio incendio aveva danneggiato ulteriori due autovetture. Una serialità che non ha lasciato indifferenti gli inquirenti, impegnati ad individuare l'eventuale filo trasparente che potrebbe aver legato, se non tutti quanti, quanto meno alcuni degli episodi.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Danneggiata l'edicola votiva della “Pietà” nel centro storico di Lecce

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Codacons: tariffe telefoniche in grave aumento

I più letti della settimana

  • Infarto per una bimba di 1 anno. Anche un bagnante rischia malore davanti alla scena

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Bambino pesca un osso in mare. E si scopre essere una tibia umana

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Lei sul materassino spinto al largo, lui rischia di affogare per salvarla

  • Ricercato in Francia ma nel Salento per vacanza in Porsche: polizia lo aspetta all’uscita dall’acqua

Torna su
LeccePrima è in caricamento