Le fiamme colpiscono ancora: bruciano Castelforte e un impianto fotovoltaico

Due incendi, sulla collinetta di Taviano e in un parco per la produzione di energia rinnovabile. I roghi dovuti alla trascuratezza

Foto di repertorio

TAVIANO - Due incendi, di vaste proporzioni, nel basso Salento: il primo ha colpito un fondo, il secondo un impianto fotovoltaico. Poco dopo la mezzanotte, infatti, un primo rogo è divampato in zona Castelforte, la collinetta tra Taviano e Gallipoli. Erbacce andate a fuoco come in numerosi altri casi, nel Salento, a causa di elevate temperature o, come nella notte, per via delle forti raffiche di vento da nord.

In quel punto, però, le caratteristiche orografiche del territorio hanno reso difficile l’intervento dei vigili del fuoco. Sul posto, infatti, due squadre dei pompieri,  provenienti dai distaccamenti di Ugento e Gallipoli. Il personale del 115, poco dopo, è stato poi costretto a intervenire nelle vicinanze, nelle campagne di Racale, per un secondo episodio.

Qui, un impianto fotovoltaico, da un megawatt, è stato avvolto dalle fiamme, divampate perché le sterpaglie erano ormai più alte degli stessi pannelli. La mancata manutenzione dei fondi ha dunque colpito ancora, con un danno ingente sia sul piano economico, che su quello ambientale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tentato omicidio in una masseria: colpito alla bocca un operaio 27enne

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Precipita dalle mura del centro di Gallipoli: un 30enne in gravi condizioni

  • Quell'auto sospetta agganciata più volte. Ed è una sfida ad alta velocità

  • Eroina, cocaina e marijuana: tre arresti, segnalati i due acquirenti

  • Salento in lutto per la perdita di Luigi Russo, protagonista di lotte per ambiente e diritti

Torna su
LeccePrima è in caricamento