Incendi notturni nel Salento: una delle vittime organizza un incontro pubblico

Si parlerà di sicurezza nel dibattito programmato per domenica prossima, alle 16,30, a Sternatia. L’incontro aperto a cittadini e amministratori

Il furgone in fiamme a Sternatia

STERNATIA – Lo aveva preannunciato negli istanti successivi all’incendio e, domenica prossima, darà appuntamento alla cittadinanza nel centro di Sternatia, come “promesso”. L’organizzatore di una manifestazione in piazza  è Graziano Ferilli, l’impresario funebre, titolare della ditta “Filìa”, alla quale ignoti hanno incendiato un furgone nella notte a cavallo fra il 7 e 8 gennaio.

A seguito di quell’episodio, in Piazza Castello, Ferilli, ennesima vittima dello strano fenomeno notturno, ha invitato i cittadini e amministratori per un incontro pubblico. A partire dalle 16,30 di domenica 21, nei locali dell’ex cinema, in via Perrone, si discuterà di sicurezza. Una delle lamentele che lo stesso imprenditore ha avanzato il mattino successivo al danneggiamento, nel quale è andato  a fuoco anche un’altra autovettura, è stata proprio quella relativa alla mancata sicurezza in centri anche piccoli come Sternatia.

L’attenzione sarà concentrata sui rimedi che un’amministrazione dovrebbe adottare, in collaborazione con le associazioni del luogo, come l’installazione di videocamere di sorveglianza per reprimere l'intenzione di altri incendi notturni ad opera di piromani, sempre più frequenti in tutto il Salento.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: conducente in arresto

  • Tallonano la Punto, poi il colpo di pistola per far scendere la vittima

  • Paura sulla statale: perde il controllo e si schianta contro guardrail e albero

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Dalla perquisizione della vettura spunta la droga: coppia di fruttivendoli nei guai

  • Suv scorrazzano tra studenti e bagnanti. E si tenta di deviare lo sbocco a mare dell'Idume

Torna su
LeccePrima è in caricamento