Notte di fuoco nel Salento: distrutte completamente una casa e due vetture

Gli incendi si sono verificati a Cavallino, Tuglie e Trepuzzi: si indaga per chiarire l'eventuale dolo

L'abitazione incendiata a Cavallino

CAVALLINO – La notte di fuoco, registrata in tre punti del Salento, ha arrecato danni per un totale di oltre 100mila euro. Un’abitazione distrutta e ormai inagibile, e due veicoli consumati dalle fiamme, è il bilancio delle ultime ore. La casa colpita si trova a Cavallino, in via Filippo Turati. Il primo familiare di un recente complesso quadrifamiliare è stato avvolto da un misterioso incendio, di cui è ora impossibile stabilire la natura.

Poco dopo le 2 della notte, tre famiglie sono state costrette ad abbandonare le proprie case, a causa delle fiamme divampate nell’unico appartamento disabitato della struttura. Quest’ultimo, intestato a una coppia di anziani, è ammobiliato ma utilizzato esclusivamente, di tanto in tanto, come punto di appoggio. Sarebbe tuttavia in uso a una donna, la cui posizione è ora al vaglio degli investigatori. All’interno, vi erano diversi elettrodomestici presenti, tra cui anche un televisore e lettore dvd, e i condizionatori installati in alcune stanze. Non è escluso, dunque, che il rogo sia partito da un cortocircuito. Un’eventualità che è ora al vaglio dei carabinieri della caserma cavallinese, giunti assieme ai vigili del fuoco del comando provinciale.

Nel corso della mattinata, inoltre, militari, agenti della polizia locale e personale dell’Ufficio tecnico sono tornati sul luogo per ulteriori controlli. Mentre la casa in cui è divampato il fuoco è totalmente danneggiata, le altre abitazioni potrebbero non essere più agibili. I periti valuteranno lo stato delle pareti una volta raffreddate, per accertare l’eventuale presenza di crepe o cedimenti strutturali dell’edificio.

Intervento dei pompieri, questa volta del distaccamento di Gallipoli, anche a Tuglie. Dove, in via Palumbo, un rogo divampato per cause ancora in fase di accertamento, ha colpito una Lancia Y intestata a L.V., un uomo incensurato di 33 anni. Il veicolo, avvolto completamente dalle lingue di fuoco, è orami inutilizzabile. I caschi rossi non hanno rinvenuto nulla di sospetto nelle vicinanze: lo stato in cui è ridotta l’auto non ha reso semplici gli accertamenti.  

La pista dolosa, tuttavia, non può essere esclusa a priori, e resta al vaglio dei carabinieri della stazione di Sannicola, nelle mani dei quali sono ora le indagini.  Sono invece i militari di Trepuzzi a indagare su un terzo incendio, sempre avvenuto nel corso della notte, nella cittadina nord salentina. Un furgone Fiat Daily, intestato a T.G., un artigiano del posto, operante nel settore dell’edilizia, ha preso fuoco per motivi ancora sconosciuti. Il mezzo di lavoro era parcheggiato in via Atene, all’interno di un deposito di attrezzi e altro materiale utilizzato per l’attività di intonacatura degli edifici. I pompieri, alla presenza del personale dell’Arma, hanno spento il rogo ed eseguito un’ispezione.  La natura di quest’ultimo episodio sarebbe accidentale.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Chisa' se sono Titti accidentali veramente ?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ucciso a 14 anni per difendere la sorellina, il suo assassino sarà presto libero

  • Incidenti stradali

    Fuori strada in auto e ricoverati: 18enne positivo ad alcool e cocaina

  • Cronaca

    Consumi alterati nel ristorante: calamita per ridurli del 70 per cento

  • Cronaca

    Operazione Game Over, condannati anche 13 imputati della frangia leccese

I più letti della settimana

  • Si schianta in moto all'uscita di Lecce, inutili i tentativi di rianimarlo

  • Malore alla guida del Suv, si abbatte su gazebo e investe un giovane

  • Lui timbrava, lei si assentava: indagati capitano e assistente

  • Incidente a Mesagne, muore una donna: lavorava in banca in Piazza Mazzini

  • Orrore in città: un taglio alla gola e fiamme, grave una donna straniera

  • Consumi alterati nel ristorante: calamita per ridurli del 70 per cento

Torna su
LeccePrima è in caricamento