Fiamme nella notte. Brucia l’autovettura di un imprenditore edile

L'incendio è divampato poco dopo l'una, avvolgendo l'Alfa 159, parcheggiata in una via di Trepuzzi. Sul posto sono intervenuti i pompieri del comando provinciale e i carabinieri della compagnia di Campi Salentina

I vigili del fuoco (Foto di repertorio)

TREPUZZI – Le fiamme sono divampate un quarto d’ora dopo l’una della notte, danneggiando l’Alfa 159, appartenente ad un imprenditore edile residente a Trepuzzi.

L’autovettura era parcheggiata in via Palermo, in corrispondenza dell’abitazione dell’uomo, quando è stata colpita dall’incendio, scoppiato per cause che sono ancora da chiarire.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del comando leccese per domare il rogo e mettere in sicurezza l’area, scongiurando il rischio che anche altri veicoli potessero essere coinvolti dalla combustione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre ai pompieri,  sono sopraggiunti anche i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Campi Salentina, per eseguire una serie di rilievi utili a ricostruire più dettagliatamente la vicenda e stabilire se la natura del rogo sia stata accidentale o dolosa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Accoltella la madre e poi si lancia nel vuoto: tragedia in una famiglia salentina

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Rintracciata a Ostia: il 30 giugno, dopo cena, era uscita senza fare rientro

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

  • Con l'auto fino in mare per depositare la moto d'acqua: sconcerto a San Cataldo

Torna su
LeccePrima è in caricamento