Appiccano il fuoco nella concessionaria dismessa: tre vetture distrutte

Ancora un incendio doloso a Monteroni di Lecce, nei pressi del Velodromo. Ignoti hanno appiccato le fiamme nonostante un imponente muro di recinzione

Le auto bruciate nella notte

MONTERONI DI LECCE – Una Opel Meriva, una vecchia Alfa 90 e una Opel Agila: sono queste le tre auto distrutte, nella notte, da un incendio di natura dolosa divampata nelle campagne di Monteroni di Lecce. Il rogo è scoppiato intorno alle 3,25, all’interno di un’area recintata nei pressi del velodromo della zona, sulla strada provinciale 119, che collega Lecce a Porto Cesareo.

 Qualcuno, munito di bottiglietta con del liquido infiammabile, ha appiccato le fiamme. Sul terreno, oltre ai mezzi di una concessionaria d’autovetture ormai dismessa, di proprietà di un 68enne del posto, noto alle forze dell’ordine, si trovano anche le attrezzature di un   carrozziere, che esercita la sua attività nell’area del concessionario. Ingente il danno, anche se in fase di quantificazione: le tre vetture colpite dal fuoco erano comunque ferme da tempo.  

Sul posto, per domare l’incendio ed eseguire un sopralluogo, i vigili del fuoco del comando provinciale. Spente le fiamme, i pompieri hanno avviato un’ispezione, alla presenza dei carabinieri della stazione di Monteroni di Lecce e di quelli del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia locale. I militari non hanno dubbi circa la matrice dolosa del gesto: chi ha agito, potrebbe averlo fatto direttamente dalla strada, lanciando un contenitore. Il muro di recinzione, infatti, è piuttosto alto e improvabile  da scavalcare. Idem per l’imponente cancello in ferro. Nel corso della giornata, sarà ascoltata la vittima del messaggio intimidatorio, la quale dovrà anche formalizzare la denuncia e rendere agli inquirenti i dettagli sui suoi recenti contatti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sete post-pizza? Ecco il perché e come ovviare al problema

  • Paura in pieno giorno: tre esplosioni in pochi secondi. Sventrata una casa, fermato proprietario

  • Sfida a 200 all'ora: banda di ladri inseguita per oltre 70 chilometri

  • Doppio blitz, armi nascoste e stupefacenti a chili: scattano le manette

  • “Salvato il soldato Paolo”, carabinieri salentini in prima linea nel trasferimento del generale

  • Scoppia una rissa, un 25enne ferito al setto nasale per aver chiamato la polizia

Torna su
LeccePrima è in caricamento