Raid incendiario ai danni di un bar: è il secondo episodio in un anno

Si indaga per stabilire la natura del rogo divampato, la scorsa notte, all’esterno di una caffetteria nel centro di Lecce. Danni ingenti

I danni all'esterno del bar.

LECCE – Nuovo raid incendiario, nel centro di Lecce, ai danni di un bar: si tratta del secondo in pochi mesi. Sarebbero stati quasi certamente dei piromani a tornare a colpire, la scorsa notte, la caffetteria “White Lady”, con sede in via 95esimo Reggimento fanteria, a pochi metri da Piazza Mazzini. In piena notte, infatti, sono divampate le fiamme all’esterno dell’esercizio. I danni arrecati dal rogo sono ingenti: la fiammata avrebbe intaccato una tenda parasole, annerendola, coinvolgendo anche un gazebo e la parete.

Vi sarebbero anche conseguenze all'interno del locale delle quali si sta cercando di chiarire l'entità. Sul luogo dell’accaduto, i vigili del fuoco del comando provinciale, assieme agli agenti di polizia della sezione volanti, guidati dal vicequestore Eliana Martella. Il personale del 115, durante il consueto sopralluogo, non ha rinvenuto nulla di sospetto. Tuttavia, la natura accidentale dell’accaduto convince poco gli inquirenti, che ora sono alle prese con le indagini. Il titolare, già nel corso della mattinata, è stato ascoltato dalla polizia.

Quest’ultima ha inoltre setacciato la zona, alla ricerca delle videocamere di sorveglianza. L'attività investigativa è ora affidata al personale della squadra mobile. L’attività commerciale era stata presa di mira una prima volta nel mese di maggio dello scorso anno: in quell’occasione, i malviventi avevano gettato del liquido infiammabile, per poi appiccare le fiamme al gazebo esterno, all’angolo con via Ausonio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • I pacchi? In casa della postina infedele. E il figlio scovato con la droga

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

Torna su
LeccePrima è in caricamento