Incendiano l’auto di una cameriera, il rogo distrugge anche quella del vicino

Le fiamme divampate intorno alle 4 a Corigliano d’Otranto: entrambi i mezzi sono stati completamente distrutti. È caccia ai piromani

Foto di repertorio.

CORGLIANO D’OTRANTO – Un’auto completamente distrutta dal fuoco appiccato dai piromani nella notte e quella vicina danneggiata gravemente: entrambe fuori uso. L’ennesimo incendio di natura dolosa si è verificato nelle scorse ore, intorno alle 4, a Corigliano d’Otranto. La Renault Twingo intestata a una giovane cameriera del posto, di 28 anni, è stata avvolta dalle fiamme in via Giovanni Pascoli.

Il fuoco, oltre ad aver consumato ogni frammento di carrozzeria, si è però esteso anche a una vettura parcheggiata accanto: una Mercedes Classe Clk, intestata a un uomo residente a Oria e di fatto in uso a un 65enne del luogo. Entrambi i veicoli sono stati interamente distrutti, per un danno complessivo che, oltre ad aggirarsi attorno a svariate migliaia di euro, non è peraltro coperto da una polizza assicurativa.

Sul luogo, assieme ai vigili del fuoco del distaccamento di Maglie, anche i carabinieri della stazione di Corigliano d’Otranto e i colleghi del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia locale, guidata dal capitano Giorgio Antonielli. I militari dell’Arma ora hanno avviato le indagini per risalire agli autori del gesto intimidatorio. Stanno infatti setacciando l’isolato in cui è stato appiccato il rogo, per cercare le videocamere di sorveglianza da cui estrapolare i video.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tentato omicidio in una masseria: colpito alla bocca un operaio 27enne

  • Burrasca agita lo Ionio e devasta barche, pontili, maneggio e persino un ristorante

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Precipita dalle mura del centro di Gallipoli: un 30enne in gravi condizioni

  • Quell'auto sospetta agganciata più volte. Ed è una sfida ad alta velocità

  • Eroina, cocaina e marijuana: tre arresti, segnalati i due acquirenti

Torna su
LeccePrima è in caricamento