Bottiglia incendiaria nel cantiere: a fuoco le cabine di due escavatori

Il rogo intorno alle 5, ad Aradeo, dove sono in corso degli interventi sull’impianto fognario da parte di una srl con sede a Salve

Gli escavatori colpiti. (Foto di Antonio Quarta)

ARADEO – Raid incendiario all’alba: piromani danno fuoco a due escavatori all’interno di un cantiere. L’ennesimo rogo di matrice dolosa poco prima delle 5, nel centro abitato di Aradeo, all’angolo tra via Marx e via Donizetti. I mezzi, di proprietà della impresa di costruzioni Pepe srl, con sede a Salve, si trovano sul luogo per dei lavori commissionati dall’amministrazione comunale e che riguardano la ristrutturazione dell’impianto fognario e fluviale del paese.  Il cantiere è recintato ma non ha impedito ai malviventi di raggiungere il luogo, muniti di una bottiglia contenente del liquido infiammabile. Dopo aver versato il combustibile in più punti, hanno infatti appiccato il fuoco.

Le fiamme hanno colpito soprattutto le due cabine comando, arrecando un danno complessivo di svariate migliaia di euro. Sul luogo, i vigili del fuoco del distaccamento di Gallipoli, per domare l’incendio. I “caschi rossi” hanno messo in sicurezza l’area, per evitare che le lingue di fuoco potessero propagarsi ulteriormente, per poi eseguire un sopralluogo sull’area colpita. All’ispezione hanno preso parte anche i carabinieri della stazione locale, assieme ai colleghi della sezione radiomobile della compagnia di Gallipoli. È stata immediatamente rinvenuta una bottiglia in plastica, ancora intrisa di benzina, sottoposta a sequestro dai militari dell’Arma.70b7aad3-a346-48f7-924d-8b80b040890f-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono in corso le indagini, per risalire agli autori del gesto intimidatorio. Gli inquirenti sono tornati anche in mattinata sul luogo dell’episodio, alla ricerca di eventuali videocamere di sorveglianza, che potrebbero rivelarsi utili all’attività investigativa. Preoccupa intanto l’incremento di simili fatti di cronaca in tutta la provincia. Pochi giorni prima, nella vicina Cutrofiano, un altro rogo ha colpito tre auto, una delle quali intestata al proprietario di un noto pub della cittadini. In quel caso non è stata accertata l’origine dell’episodio, ma la natura dolosa non è stata esclusa. Il giorno dopo, altro episodio identico anche nel centro abitato di Alliste, dove sono andate in fumo ulteriori tre vetture. Spia del fatto che, nel Salento, i dissidi anche per futili motivi, si continuino a risolvere col fuoco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Giovane leccese aggredisce a pugni e manda in ospedale militare barese

  • Non solo Covid, pronto soccorso preso d’assalto. Medici e infermieri stremati

  • Torna l’allerta meteo nel Salento: per 24 ore attesi temporali e grandinate

  • Orrore in casa: tenta di dare fuoco alla moglie con liquido infiammabile

Torna su
LeccePrima è in caricamento