Ignoti tentano di bruciare un furgone adibito a noleggio con conducente

E' successo nella notte in Contrada Nanni, a metà strada fra Gallipoli e Alezio. Sul caso indagano i carabinieri della compagnia

GALLIPOLI – Semmai l’obiettivo fosse quello di distruggere il furgoncino, l’operazione può dirsi tutto, fuorché riuscita. Le fiamme, infatti, si sono estinte da sole in poco tempo, lasciando qualche segno, ma senza danneggiare del tutto il veicolo. Resta inquietante il gesto in sé, perché l’atto è doloso e ora sul caso stanno indagando i carabinieri della compagnia di Gallipoli.

L’episodio è avvenuto nel cuore della notte in una zona isolata, molto al di fuori rispetto al centro abitato: Contrada Nanni. Un'arteria che nasce da Gallipoli come via Scalelle e ne rappresenta la prosecuzione ideale, arrivando fino ad Alezio. Una strada secondaria verso quest’ultimo comune, rispetto alla parallela provinciale 361, costellata di villette e qualche piccola azienda.

Il mezzo, un Ford Transit, di proprietà di un gallipolino incensurato, è adibito a noleggio con conducente. Le fiamme sono state appiccate alla parte anteriore, ma non si sono fatte largo più di tanto, tanto che non c’è stata nemmeno necessità dell’intervento dei vigili del fuoco. Resta ignoto il movente dell'atto incendiario.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Molteplici benefici per chi cammina in riva al mare

I più letti della settimana

  • Spaccio di cocaina nella "movida": 13 arresti e quattro locali rischiano la chiusura

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Briatore scatenato su Instagram: “A Gallipoli mandano via gli yacht”

  • Scontro frontale tra due auto: 4 feriti. Coinvolta anche un’autocisterna

  • Scu, droga a fiumi e spari nella notte: in 46 rischiano il processo

Torna su
LeccePrima è in caricamento