Inchiesta sulla gestione dell'Antiracket, dissequestrati i beni di un'azienda

La Corte di Cassazione ha accolto il ricorso presentato dai legali della My Italy, annullando il sequestro di circa 34mila euro

LECCE – La Corte di Cassazione ha annullato il sequestro preventivo dei beni, per un valore di poco più di 34mila euro, della My Italy consulting, una delle cinque aziende coinvolte (come persone giuridiche) nell’inchiesta e nel processo sui presunti illeciti legati alla gestione dell’associazione Antiracket Salento.

I giudici hanno accolto l’appello presentato dai legale della società, gli avvocati Marco Castelluzzo, Massimo Marangio e Francesco Calabro. Il provvedimento di sequestro era stato eseguito a dicembre scorso dai militari della Guardia di finanza. Il Riesame ha poi confermato il blocco dei beni, fino alla decisione della Suprema Corte, le cui motivazioni saranno depositate nei prossimi giorni.

Si tratta del secondo sequestro, dopo quello eseguito circa un anno fa (con le misure cautelari), su disposizione del gip, per una cifra più o meno equivalente a quella dissequestrata. In questo caso il ricorso è ancora pendente in Cassazione e i giudici decideranno nelle prossime settimane.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Che alla fine saranno tutti asolti,non dimentichiamoci che siamo in Italia|||||||

Notizie di oggi

  • Politica

    “Un sindaco da solo non cambia la città. Piazzale Cuneo ce lo insegna”

  • Politica

    “Per me voto disgiunto da tutte le coalizioni”. La scommessa di Adriana

  • Cronaca

    Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Cronaca

    "Chronos", accusati di assenteismo: chiuse le indagini su 17 dipendenti

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Esalta il fisico con gli abiti giusti

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

Torna su
LeccePrima è in caricamento