Cerca di disincagliare la barca dalla secca: perde il dito della mano

Grave incidente in mare, intorno all’ora di pranzo, nelle acque di Torre San Giovanni. L’uomo soccorso e accompagnato d’urgenza in ospedale

Foto di repertorio.

TORRE SAN GIOVANNI (Ugento) – Per sbloccare l’ancora della sua barca incagliata nella secca perde il dito: ennesimo, grave incidente in mare nel Salento. L’episodio intorno all’ora di pranzo nello specchio d’acqua compreso fra il porticciolo di Torre San Giovanni e Torre Mozza, entrambe marine di Ugento. Il malcapitato si è trovato in difficoltà con la propria imbarcazione: questa è infatti rimasta “intrappolata” sul fondale dal livello di acqua troppo basso.

Lo sfortunato proprietario, nell’effettuare delle complesse manovre per disincagliare il natante, è rimasto ferito gravemente all’arto superiore. Immediati i soccorsi prestati dagli operatori del 118 a bordo delle idromoto. Oltre ai sanitari, il ferito è stato raggiunto anche dai militari dell’Ufficio locale marittimo della guardia costiera, supportati dai vigili del fuoco.

Il diportista è stato immediatamente affidato al personale a bordo di un’ambulanza e accompagnato presso l’ospedale “Francesco Ferrari” di Casarano per le cure del caso. Appena pochi giorni addietro un altro episodio simile si è verificato a San Foca, la marina di Melendugno. In quell'occasione il titolare di un'imbarcazione ha riportato delle preoccupanti lesioni al dito nel trainare la propria barca in mare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sete post-pizza? Ecco il perché e come ovviare al problema

  • Paura in pieno giorno: tre esplosioni in pochi secondi. Sventrata una casa, fermato proprietario

  • Sfida a 200 all'ora: banda di ladri inseguita per oltre 70 chilometri

  • Doppio blitz, armi nascoste e stupefacenti a chili: scattano le manette

  • “Salvato il soldato Paolo”, carabinieri salentini in prima linea nel trasferimento del generale

  • Anziani maltrattati in una casa di riposo, scattano 11 denunce

Torna su
LeccePrima è in caricamento