Travolti in moto da un’autocisterna: morti due salentini in Thailandia

Tragico incidente ieri pomeriggio a Chumphon, nel sud del Paese. Hanno perso la vita Giuliano De Santis, 41enne leccese, e la compagna Ilaria Rizzo, 37enne di Brindisi

THAILANDIA - Erano arrivati in Thailandia da qualche giorno, ma il loro viaggio è terminato ieri nel peggiore dei modi: sono morti sul colpo dopo essere stati travolti da un'autocisterna, mentre in sella a una moto stavano percorrendo la strada “Pak Nam Road”. Le vittime sono due salentini: Giuliano De Santis, imprenditore 41enne leccese, gestore di diversi b&b, e la compagna Ilaria Rizzo, 37enne psicologa di Brindisi.  

Ilaria Rizzo e Giuliano De Santis-2Il tragico incidente è avvenuto ieri pomeriggio, intorno alle 16.30, a Chumphon, nel sud del Paese, sotto gli occhi di altri quattro amici della coppia. Stando ad alcune testimonianze, l’autocisterna procedeva a velocità sostenuta, per ribaltarsi proprio mentre la motocicletta era in fase di sorpasso da destra, finendo così sui due turisti, per i quali è stato inutile ogni soccorso. La dinamica è stata accertata anche da videocamere di sorveglianza che ritraggono bene le fasi dell'incidente.

Alcuni giornali locali riportano anche quanto dichiarato dal conducente del mezzo pesante, un 64enne, il quale ha spiegato di lavorare nel settore da decenni, senza incidenti, e spiegando che il sistema frenante del camion ha funzionato male, impedendogli di rallentare la corsa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pioggia e violente raffiche di vento mettono mezzo Salento in ginocchio

  • Allerta arancione per maltempo anche nel Salento. Scuole chiuse in diversi comuni

  • Rapinatori irrompono in casa, un figlio reagisce: martellata sulla testa

  • Burrasca agita lo Ionio e devasta barche, pontili, maneggio e persino un ristorante

  • "Scuole aperte nonostante l'allerta meteo": Cgil denuncia rischi per alunni e lavoratori

  • Furto di energia, truffa e fuoco agli scarti di potatura: arresto e 14 denunce

Torna su
LeccePrima è in caricamento