L'auto si schianta, quattro in ospedale: due gravi. Conducente fermato

Il sinistro intorno alle 2 della notte, sulla strada che conduce da Tricase a Tricase Porto. Gravi un 27enne e una 17enne che viaggiavano assieme ad altri due a bordo di una Ford Fiesta

TRICASE  - Un grave incidente, nella notte, di ritorno dal mare. Nell’impatto di un veicolo con un muro di recinzione di un’abitazione, sulla strada che collega Tricase a Tricase Porto, all’incrocio con via Nardofaso, in quattro sono finiti in ospedale. Il violento scontro è avvenuto intorno alle 2, mentre il gruppo si trovava a bordo di una Ford Fiesta. Stando alle ricostruzioni dei carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Tricase, alla guida vi era Biagio Casciaro, 27enne di Corsano. Accanto, A.S., anch’egli di Corsano e coetaneo. Dietro, C.C., 17enne di origine polacca e la madre, 43enne.

Ad avere la peggio sono stati proprio la ragazzina straniera e il 27enne che sedeva davanti, al lato passeggero. Sul posto, per prestare i primi soccorsi dopo le chiamate degli automobilisti e dei residenti svegliati dal tonfo (un vero e proprio boato, descritto simile a un’esplosione), gli operatori del 118.

Al termine delle prime, urgenti medicazioni sul luogo, è partita la corsa in direzione del vicino ospedale “Cardinale Panico” della cittadina per i feriti più gravi. Qui si trovano A.S. e C.C.. Gli altri due sono stati accompagnati, invece, a Scorrano e Lecce, con lesioni meno preoccupanti. I medici, a seguito degli accertamenti, li hanno infatti dichiarati fuori pericolo.

In seguito ai rilievi stradali e agli accertamenti che i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile hanno svolto in collaborazione con l’aliquota operativa, nelle ore successive hanno arrestato in flagranza per lesioni personali stradali gravissime plurime il conducente, Biagio Casciaro. Le analisi hanno accertato la positività all’alcool e a sostanze stupefacenti (cannabinoidi). Uno stordimento che, unito alla velocità - a giudicare dall’impatto, piuttosto elevata -, dovrebbero essere state le cause della perdita di controllo del veicolo, che viaggiava in direzione di Tricase. Tutto appurato tramite i filmati di videosorveglianza della zona acquisiti.

Sono risultati invece in regola i documenti di guida e di circolazione. Il veicolo è stato sequestrato. Casciaro, tuttora ricoverato a Scorrano, una volta dimesso, finirà agli arresti domiciliari, come disposto dal pubblico ministero di turno. E intanto, c’è ansia per le condizioni dei due feriti gravi. Al momento la loro vita è giudicata a rischio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Travolto da un’auto sulla litoranea di Santa Cesarea Terme: grave un ciclista

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

Torna su
LeccePrima è in caricamento