Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

Un uomo di 60 anni, di nazionalità belga, è morto dopo essere stato travolto, in sella alla sua bici, in via Vecchia Salice, in territorio di Veglie. Sulla dinamica è al lavoro la polizia locale

La bici del malcapitato turista.

VEGLIE - Un turista è morto dopo essere stato travolto da un'auto mentre con la sua bici era in coda a un gruppo che stava percorrendo via Vecchia Salice, a Veglie. Si tratta di Stephan Philippe Marical, di 60 anni, di nazionalità belga: trasportato con la massima urgenza al "Vito Fazzi" di Lecce dal personale del 118 accorso sul luogo, l'uomo è spirato poco dopo l'arrivo nel nosocomio.

L'incidente è accaduto intorno alle ore 13: secondo i primi riscontri, corroborati anche dalle testimonianze di altri cicloescursionisti, una Citroen C1, condotta da un 36enne residente a Salice Salentino, avrebbe colpito il ciclista che era rimasto leggermente indietro rispetto al gruppo, che pare fosse appena ripartito dopo una sosta. Nell'impatto l'uomo è franato sul parabrezza, frantumandolo, mentre il suo mezzo è stato scaraventato nella campagna circostante.

Sul posto sono intervenuti gli agenti di polizia locale coordinati dal comandante Massimiliano Leo, cui è affidata la ricostruzione dell'accaduto, e i carabinieri della compagnia di Campi Salentina. Il conducente della vettura, risultato poi negativo al test per verificare l'eventuale presenza di alcol, ha dovuto far ricorso alle cure dei medici, essendo in stato di shock.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Carabiniere e “Le Iene” sott’accusa, chiesti 100mila euro di risarcimento

  • Spaccio di droga: in 14 a processo. Tra loro l’imprenditore dei vini Gilberto Maci

  • Nuova ondata di maltempo: allerta arancione in attesa delle violente raffiche di vento

  • Buco sul muro del negozio di abbigliamento nel centro commerciale: il furto fallisce

  • Violentò la figlia e nacque una bambina: il padre condannato a 30 anni

Torna su
LeccePrima è in caricamento