Si schiantano contro un muro il Primo maggio: non ce l’ha fatta il 17enne

Il ragazzino ricoverato in prognosi riservata, dopo il grave incidente sulla San Gregorio-Patù, è spirato in mattinata al "Vito Fazzi"

L'immagine del sinistro

LECCE – Non ce l’ha fatta Vincenzo Greco: ha perso la vita a soli 17 anni, a seguito del sinistro nel quale è rimasto coinvolto nella tarda serata di lunedì. L’adolescente è infatti spirato nel corso della mattinata presso il reparto di Rianimazione dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, dove era stato ricoverato in prognosi riservata a causa delle gravi ferite riportate nello scontro del Primo maggio. Il ragazzino di Patù, quella sera, viaggiava assieme a due amici a bordo di una Fiat Marea condotta da uno della comitiva, un 19enne.

Improvvisamente, la vettura è uscita fuori strada, sulla via che collega San Gregorio a Patù, schiantandosi contro il muro di un’abitazione, per poi terminare la corsa su un muro vicino. Durante quelle brusche manovre, si sono ritrovate coinvolte anche una Smart e una Lancia Y: ma, fortunatamente, i rispettivi conducenti non hanno riportato gravi conseguenze. Ad avere la peggio, purtroppo, è stato proprio il 17enne, condotto per un trauma cranico al pronto soccorso dell’ospedale di Tricase e poi trasferito nel capoluogo salentino.

Nel corso delle ultime ore le sue condizioni sono peggiorate, fino al decesso. L’automobilista che si trovava alla guida quella sera è risultato intanto lievemente positivo all’alcol test. Rilievi e ricostruzione dell’incidente, e successivo addebito delle responsabilità, sono ora nelle mani dei carabinieri della stazione di Castrignano del Capo e dei colleghi della compagnia di Tricase. La salma della vittima, in giornata, sarà trasferita presso la camera mortuaria in attesa delle disposizioni dell'autorità giudiziaria, per poi essere consegnata ai famigliari del 17enne, in una delle vicende più tristi che la piccola comunità del Capo di Leuca ricorderà.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento