Sbalzato di sella da una Fiat Multipla: muore sul colpo anziano ciclista

Un 92enne è l’ennesima vittima di un sinistro stradale: si è verificato poco fuori San Cataldo, intorno a mezzogiorno. Vani i soccorsi

Il luogo della tragedia.

SAN CATALDO (Lecce) – Passeggiava in sella alla sua bici quando un’autovettura lo ha travolto in pieno: nulla da fare per un anziano ciclista leccese. La tragedia intorno a mezzogiorno, sul litorale adriatico, tra San Cataldo e Le Cesine, appena poco fuori dalla marina leccese e all’altezza di un noto maneggio della zona e di una friggitoria. Un uomo di 36 anni, leccese anche lui, si trovava alla guida di una Fiat Multipla quando, per motivi tuttora in fase di accertamento, ha colpito il 92enne.

Antonio Merenda, questo il nome della vittima, è stato scaraventato sull’asfalto con violenza. L'auto viaggiava in direzione di San Foca, questa almeno la prima ricostruzione, ancora frammentaria e incompleta. L'anziano sarebbe sbucato da una stradina sterrata, laterale, immettendosi su quella principale.  A nulla sono valsi i soccorsi prestati sia dal conducente, sia dagli operatori del 118 fatti sopraggiungere immediatamente. Per l’anziano non c’è stato più nulla da fare. La sua salma è stata trasferita preso la camera mortuaria dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, in attesa delle disposizioni da parte dell’autorità giudiziaria.

Sul luogo della tragedia, oltre agli infermieri e ai medici, anche i carabinieri della stazione di Vernole e gli agenti di polizia locale vernolesi per eseguire i rilievi e mettere in sicurezza la strada. Il veicolo è stato posto sotto sequestro e, come previsto dal protocollo, l'automobilista condotto in ospedale per gli accertamenti alcolemici e tossicologici.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento